Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    S. MARIA C.V. – Icaro, Giannetti, Leone, De Rosa e la montagna di quattrini per la gestione dei parcheggi. TUTTI I RETROSCENA


      Nonostante la scadenza della proroga, Icaro continua a gestire il servizio SANTA MARIA CAPUA VETERE - I parcheggi a pagamento, la loro gestione e il concetto non diciamo di legalità che è una cosa che a Santa Maria si sono messi sotto i piedi da anni, ma semplicemente di buona creanza, sono antitesi perfette […]

    Nelle foto, da sinistra, Massimo Giannetti, Nicola Leone e il comandante Leone

     

    Nonostante la scadenza della proroga, Icaro continua a gestire il servizio

    SANTA MARIA CAPUA VETERE - I parcheggi a pagamento, la loro gestione e il concetto non diciamo di legalità che è una cosa che a Santa Maria si sono messi sotto i piedi da anni, ma semplicemente di buona creanza, sono antitesi perfette in questa città in cui impera il relativismo Tout Cout.

    Prendiamo l’ultima vicenda, quella riguardante la scandenza della proroga dei sei mesi per la gestione dei parcheggi, che sono stati affidati ad Icaro. Ebbene, il termine ultimo di questa proroga è scaduto il 21 febbraio 2013, ma Icaro, nonostante i limiti massimi previsti per legge per l’espletamento di una nuova gara, continua a svolgere il suddetto servizio. 

    E mai più provvidenziale fu un’attesa, dato che il tempo passato ha sgonfiato le pretese pressanti fatte da Giannetti che voleva tutto il pacchetto dei parcheggi. Poi c’è stata l’inchiesta giudiziaria per camorra in cui è stato coinvolto e ora al massimo Giannetti potrà simpatizzare per coloro i quali hanno acquisito la gestione del parcheggio cimiteriale che di Giannetti sono fraterni amici.

    In tutta questa storia ha fatto tirare un sospiro di sollievo al consigliere comunale Nicola Leone e al comandante dei vigili urbani De Rosa con cui Leone è ormai storicamente pappa e ciccia.

    Davanti a loro hanno un’autostrada. La gara, statene certi non la vincerà proprio Icaro, ma un suo surrogato diretto. E il futuro di De Rosa è ancora più luminoso, dato che il concorso per far diventare De Rosa un comandante con lo stipendio di un dirigente e non solo un facente funzioni è stato tirato di nuovo fuori.

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 15 maggio 2013 ALLE ORE 13:23