Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    S. MARIA C.V.- I ragazzi del liceo classico “Cneo Nevio” scoprono una tettoia in amianto e avvisano il primo cittadino


            Nei giorni dell’occupazione gli alunni del classico chiedono spiegazioni riguardo la presenza di amianto sul tetto della loro scuola   S.M.C.V. – Durante i giorni dell’occupazione, una tettoia in amianto, con diversi punti di rottura, è stata fotografata dagli studenti del liceo classico “Cneo Nevio”. Si tratta di un’area che, pur […]

     

     

     

    Nella foto il tetto del liceo classico “Cneo Nevio” di S.M.C.V.

     

    Nei giorni dell’occupazione gli alunni del classico chiedono spiegazioni riguardo la presenza di amianto sul tetto della loro scuola

     

    S.M.C.V. – Durante i giorni dell’occupazione, una tettoia in amianto, con diversi punti di rottura, è stata fotografata dagli studenti del liceo classico “Cneo Nevio”. Si tratta di un’area che, pur facendo parte della chiesa “Dei Santi Angeli Custodi” – sita su Corso Garibaldi – appoggia su una delle pareti del complesso scolastico di piazza Bovio e, quindi, direttamente a contatto con cinque classi che affacciano sulle lastre di eternit. Gli studenti hanno preteso chiarimenti dalle istituzioni locali e, a in seguito ad una provvisoria occupazione del cortile della casa municipale, hanno ottenuto un immediato sopralluogo dell’area da parte del sindaco di Santa Maria, Biagio Di Muro. Quest ultimo, accompagnato da due funzionari di Palazzo Lucarelli, ha seguito gli studenti del liceo classico per prendere atto della denuncia dei ragazzi. Nonostante la pioggia, circa 200 alunni hanno atteso il responso del sopralluogo proprio nell’atrio del Comune.

     

     

    Nella foto la protesta degli alunni del liceo classico di Santa Maria

     

    Per quanto riguarda i provvedimenti, il sindaco ha comunicato ai manifestanti di aver firmato un’ordinanza che impone l’immediata messa in sicurezza dell’area spiegando: “Dopo aver personalmente constatato che la denuncia dei ragazzi corrispondesse al vero ho assunto immediati provvedimenti affinché venga garantita la tutela della salute di tutti gli studenti”. Il provvedimento è indirizzato più in generale alla Curia ma, nel dettaglio, al parroco della chiesa “Dei Santi Angeli Custodi”, dal momento che funge anche da rappresentante legale della stessa. “La messa in sicurezza prevede la copertura della tettoia con dei teli specifici – ha asserito il primo cittadino Di Muro – per evitare che eventuali polveri sottili possano diffondersi nell’area”. Alla messa in sicurezza, farà seguito un piano – da depositare presso gli uffici competenti dell’Asl Caserta – per la rimozione delle lastre di eternit. La protesta degli studenti ha così sortito effetti immediati.

    PUBBLICATO IL: 3 dicembre 2013 ALLE ORE 11:25