Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    S.MARIA C.V. Fumata nera, ieri, all’incontro tra lsu e Di Muro. Stamattina la protesta continua davanti al tribunale penale. La Cisl: “Incontreremo Capasso”


    Ieri, lunedì, la protesta dei lavoratori socialmente utili, impiegati nella custodia delle sedi dei palazzi di giustizia sammaritani, ha causato qualche disagio alla funzionamento del tribunale civile

    di muro bigio

     

    S.MARIA C.V – Prima di entrare nel merito della notizia iniziamo il nostro scritto con una piccolissima premessa. In questo articolo parleremo di lavoratori che, mensilmente, percepiscono circa mille euro:  500  versati dall’Inps e 400 (la cosiddetta “integrazione” per i servizi di custodia, manutenzione  sorveglianza diurna e notturna per tutti i giorni dell’anno)  dal comune.

    Il sogno dei lsu del comune di Santa Maria Capua Vetere, impiegati presso le sedi dei palazzi di giustizia della città, è quello di  “stabilizzarsi”, di uscire definitivamente da quella precarietà che, in modo inevitabile, contribuisce alla non serenità di un’esistenza, in questo periodo economicamente nefasto, già  grama e tormentata.

    L’incontro di ieri pomeriggio, lunedì, tra questi lavoratori, rappresentati dal sindacalista Anagelo Iodice Magliacano ed il sindaco Di Muro si è concluso, come afferma la Felsa Cisl in una nota stampa, “con un nulla di fatto”. Al tavolo hanno partecipato anche il segretario comunale De Nisi, il dirigente del settore ragioneria  Sorà ed il responsabile dei lsu, Di Tommaso.

    Non è la prima volta che nella città del Foro si affronta i disagi patiti dai lavoratori socialmente utili, anzi la vicenda , ovvero il tentativo di assegnare una collocazione definitiva ai  custodi dei tribunali sammaritani, è stata sostenuta tantissime volte con la formulazione di contestuali proposte risolutive ( come l’affidamento del servizio di custodia ad una cooperativa formata dagli stessi lavoratori che occupano quel posto da 18 anni).

    “ La FELSA Cisl  – si legge nella nota partorita dopo l’incontro in comune - dopo le tante promesse fatte negli anni scorsi dall’amministrazione, rimaste sempre inattese, ha richiesto un impegno scritto da parte del sindaco Di Muro a continuare nel lavoro finalizzato alla ricerca di una soluzione da attuare per la collocazione definitiva dei custodi dei tribunali”. Documento che, a quanto raccontato dalla sigla sindacale, non è stato firmato. “Il primo cittadino – continua il comunicato – ha rifiutato di sottoscrivere qualsiasi impegno.  Siamo consapevoli  che un problema così importante non può risolversi in un solo incontro, ma perché un sindaco  non può sottoscrivere un verbale di incontro che lo impegni a trovare una soluzione per lavoratori che da troppi anni versano in una condizione di precarietà?”

    La protesta dei lsu sammaritani continua. Oggi hanno manifestato davanti al tribunale penale. Ieri la loro protesta ha determinato non pochi disagi alla funzionalità del palazzo di giustizia civile. Stamattina, martedì, i lavoratori sono riusciti a strappare un incontro col sostituto procuratore Capasso.

    Giuseppe Tallino 

    PUBBLICATO IL: 25 febbraio 2014 ALLE ORE 12:19