Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    S. MARIA C.V. – Fabio Monaco punta i riflettori sulla cooperativa al Consumo del cugino di Di Muro: via libera ai 300mila euro della polizza


    In calce all’articolo la delibera di giunta. La coop potrà incassare i soldi dell’assicurazione per incendio e il comune risparmierà circa 100mila euro SANTA MARIA CAPUA VETERE - Su gentile segnalazione del consigliere di opposizione Fabio Monaco, siamo venuti a conoscenza della prossima celere ricostruzione del capannone di proprietà comunale in affitto alla cooperativa al […]

    Nelle foto, da sinistra, Fabio Monaco e Biagio Di Muro

    In calce all’articolo la delibera di giunta. La coop potrà incassare i soldi dell’assicurazione per incendio e il comune risparmierà circa 100mila euro

    SANTA MARIA CAPUA VETERE - Su gentile segnalazione del consigliere di opposizione Fabio Monaco, siamo venuti a conoscenza della prossima celere ricostruzione del capannone di proprietà comunale in affitto alla cooperativa al consumo,  incendiatosi qualche anno fa.

    Dalla delibera inviataci dal consigliere udiccino apprendiamo che l’amministrazione Comunale ha aderito alla proposta dell’amministratore della cooperativa al Consumo di poter incassare l’indennizzo riconosciuto dall’Assicurazione per la ricostruzione dell’immobile e provvedere così alla ricostruzione della struttura incendiata.

    Grazie alla doppia assicurazione accesa dalla Cooperativa al Consumo, sia sulle merci che sull’immobile, è stato possibile ottenere un indennizzo maggiore rispetto a quello previsto dalla polizza accesa dall’amministrazione Comunale sempre sullo stesso immobile.

    La somma di 300.000,00  euro che l’assicurazione ha riconosciuto, sarà quindi riscossa direttamente dalla Cooperativa al Consumo che provvederà a ricostruire la struttura preesistente , ricominciando subito dopo anche a pagare il canone locativo all’Ente Comunale sulla scorta del contratto di locazione ancora in essere.

    Il vantaggio di questa operazione per l’Ente di via Lucarelli consisterebbe in un risparmio di oltre 100.000,00 euro , visto che secondo i computi metrici effettuati in base alle tariffe regionali la ricostruzione del capannone sarebbe costata circa 418.217,00 euro .

    Se tali sono i costi , quindi, l’amministrazione Comunale avrebbe il doppio vantaggio di bonificare, finalmente, l’area dove oggi insiste un  rudere , e aggiungere al Patrimonio Comunale un immobile che gli frutterà anche dei canoni mensili.

     G.G.

    PUBBLICATO IL: 15 luglio 2013 ALLE ORE 18:07