Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    S. MARIA C.V. Ecco perchè la sorella dell’avvocato Stellato, Enrico Bovienzo e gli altri del Cub non possono essere assunti dal Comune


    In più occasioni, negli ultimi mesi, vi abbiamo scritto della querelle aperta sul mancato riconoscimento ella natura pubblica del Consorzio dei rifiuti di Napoli e Caserta. In calce all'articolo un nostro precedente servizio e la riproposizione dei due elenchi di coloro che hanno fatto richiesta per essere assunti a Palazzo Lucareli

    Stellato-Di Muro

    Nella foto: Stellato e Di Muro

     

     

    SANTA MARIA CAPUA VETERE – Non abbiamo voluti fare subito i guastafeste quando, sabato, abbiamo pubblicato, in larga esclusiva, l’elenco di coloro che hanno chiesti di concorrere ai 3 posti di istruttori amministrativi dell’Ufficio Tecnico e dell’Ufficio Ragioneria del Comune di Santa Maria Capua Vetere.

    Chi segue giorno per giorno le notizie di Casertace sa bene, e lo sa con dovizia di particolari tecnico-giuridico-amministrativi, che attualmente ciò che è stato possibile fino ad un paio di anni fa, e cioè la migrazione di personale del Consorzio Unico dei rifiuti verso amministrazioni pubbliche, quali la Provincia e i Comuni, non è più possibile ora, anzi da quando il Ministero della Funzione Pubblica ha definitivamente chiarito che il Cub di Caserta e Napoli non è un ente pubblico.

    Non lo è al punto da poterlo assimilare gli enti locali di cui sopra. Stabilendo questo, il governo ha anche bloccato il trasbordo in mobilità del personale, dato che la mobilità può avvenire solo tra due enti pubblici della medesima cifra giuridica.

    E questo è vero nella misura in cui tutto l’attuale stallo del Cub di Caserta e di Napoli, anche in funzione della nuova legge regionale, divenuta un’arma spuntata, non è stato superato grazie all’unico modo possibile: un decreto del governo che potesse sancire con precisione e chiarezza la natura pubblica del Consorzio Unico di Bacino.

    Insomma, quello che è stato possibile a suo tempo per la dirigente Del Vecchio, emigrata in un Comune in provincia di Salerno, quello che è stato possibile per la nipote del cardinale Sepe, assorbita dai ranghi dell’amministrazione provinciale, al momento non risulterebbe possibile per Francesca Stellato, sorella di Giuseppe Stellato, per Enrico Bovienzo, nipote del sindaco di Curti, Domenico Ventriglia, in quanto entrambi sono nell’organico del Consorzio e chiedono ora l’assunzione in mobilità al Comune di Santa Maria Capua Vetere.

     

    CLICCA QUI PER LEGGERE UN NOSTRO PRECEDENTE ARTICOLO SULLA QUESTIONE DELLO STATUS DEL CUB

    PUBBLICATO IL: 3 marzo 2014 ALLE ORE 18:40