Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    S.MARIA C.V Bello l’anfiteatro di notte, ma questi servizi aggiuntivi quanti psti di lavoro daranno ai giovani sammaritani. Per il momento zero


        Una serata ricca di chiaroscuri e di incognite. Tutto tranquillo nel concerto dei 99 posse, salvo il cumulo enorme di mondezza e di altri optional lasciati sul prato dell’Anfiteatro. Ora, però, la vera questione è legata al ruolo del consorzio Artem che sembra voler chiudere tutti i servizi utilizzando personale forestiero   S. MARIA […]

    Nella foto il concerto dei 99 posse

     

     

    Una serata ricca di chiaroscuri e di incognite. Tutto tranquillo nel concerto dei 99 posse, salvo il cumulo enorme di mondezza e di altri optional lasciati sul prato dell’Anfiteatro. Ora, però, la vera questione è legata al ruolo del consorzio Artem che sembra voler chiudere tutti i servizi utilizzando personale forestiero

     

    S. MARIA C.V - La lunga inaugurazione dei servizi aggiuntivi dell’area archeologica dell’Anfiteatro è terminata ieri sera, lunedì, con l’esibizione di gruppi musicali folcloristici che hanno piacevolmente intrattenuto un pubblico estasiato dall’Anfiteatro illuminato alle spalle del palco e  culminata con la performance di un politicizzato gruppo musicale “99 Posse” che hanno approfittato anche per lanciare messaggi contro il gassificatore  di Capua .

    Al di là delle critiche avanzate nei giorni scorsi sull’obbrobrio della canna fumaria e su certe strane pratiche di allacciamento elettrico durante i lavori, non siamo certo noi a considerare un fatto negativo di per se i servizi aggiuntivi all’Anfiteatro. Da questi infatti potrebbero arrivare più turisti ma anche posti di lavoro per i giovani di Santa Maria Capua Vetere.

    La riuscita e la piacevolezza della serata di ieri non rimuove tutte le riserve mosse da Casertace sull’incapacità delle istituzioni e degli Enti preposti, sovrintendenza in primis, a tutelare l’estetica il decoro e la sicurezza delle nostre ricchezze monumentali.

    In questa cronaca, densa di chiaroscuri ci sentiamo di  plaudire alla riuscita della serata organizzata dal ristoratore biologico al quale nell’augurare una lunga e proficua attività chiediamo però di adoperarsi a far scomparire quelle inestetiche canne fumarie sostituendolo con sistemi di areazione più consoni al sito archeologico.

    Purtroppo, con rammarico, dobbiamo constatare che i timori annunciati ieri erano fondati,  il pubblico che segue i 99 posse esibitisi ai piedi dell’Anfiteatro non è per nulla un pubblico adatto a frequentare monumenti, se così non fosse questa mattina l’area non sarebbe piena di rifiuti e bottiglie di birra per non parlare d’altro.

    Fortunatamente nessun danno è stato fatto ai reperti presenti nell’area . Il prato disseminato di immondizia se da una parte è in tema con un refrein ricorrente di uno dei pezzi dei 99 Posse “Munnezza” dall’altro stride fortemente col messaggio in favore dell’ambiente lanciato ieri dal palco dal gruppo insieme ai NO GAS .

    Vi rinviamo in merito a quanto scritto dal collega Prospero Cecere che giustamente ha ricordato anche l’incapacità dell’assessore all’ambiente che non si è assolutamente posto il problema di dotare l’area circostante  di cestini e contenitori dei diversi tipi di rifiuti, così come non vi ha assolutamente pensato la sovrintendenza all’interno dell’area archeologica di sua esclusiva gestione .

    Conclusasi l’inaugurazione è il momento di pensare allo svolgimento dei servizi aggiuntivi e un interrogativo ci attanaglia: quali ricadute occupazionali ci saranno per la città del Foro?

    Quali sbocchi avranno all’interno dei servizi dell’Anfiteatro i giovani laureati in beni culturali?

    Quali sbocchi per gli artigiani e artisti e ditte  locali per la produzione di souvenirs da vendere all’interno dell’area archeologica?

    A parte l’attività di ristorazione , che è stata subappaltata ad imprenditori locali, tutti gli altri servizi sono gestiti dal consorzio  ARTEM  per quanto riguarda la creazione grafica di brochures, pubblicità eventi, creazione di souvenirs  e loro vendita , mentre le visite guidate sono affidate all’Ass. Le Nuvole.

    Quanti sammaritani lavoreranno  quindi grazie a questi servizi aggiuntivi ?Quali attività sammaritane si gioveranno di servizi totalmente affidati a soggetti non locali che sono avvantaggiati rispetto a loro per l’appoggio della sovrintendenza ?

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 11 giugno 2013 ALLE ORE 13:11