Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Polizze assicurative: il sindacato casertano Sfil scrive al Presidente del Consiglio


      COMUNICATO STAMPA – Ecco i punti richiesti dal Sfil – Sindacato Federale Indipendente Lavoratori – con la lettera spedita, tra gli altri, anche al Presidente Letta.   CASERTA - Sono le provincie di Caserta  e  Napoli che pagano le tariffe delle polizze assicurative dei veicoli più alte  del resto del paese. Il governo e […]

     

    COMUNICATO STAMPA – Ecco i punti richiesti dal Sfil – Sindacato Federale Indipendente Lavoratori – con la lettera spedita, tra gli altri, anche al Presidente Letta.

     

    CASERTA - Sono le provincie di Caserta  e  Napoli che pagano le tariffe delle polizze assicurative dei veicoli più alte  del resto del paese.

    Il governo e tutti gli organi di controllo comprese le associazioni a tutela dei diritti del cittadino, sono distratti di fronte a tale questione. Il governo vara decreti per stabilire le multe che partono da € 850,00 fino ad un massimo di € 3.500,00 per chi non ha assicurato la propria auto.

    Chiede

    la regolamentazione delle tariffe delle polizze assicurative dei veicoli uniche per cilindrata, valide per tutto il territorio nazionale stabilite dal governo e pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale;

    la riduzione del 50% dell’importo dovuto per le polizze per i cittadini con un reddito al di sotto di € 1.000,00, per i pensionati di età superiore a 65 con pensione sociale una quota pari alla tassa di possesso.

    Le tasse le dobbiamo pagare tutti, avendo le garanzie che siano eque per tutti i cittadini onesti, i quali sono costretti a pagare per chi non paga o per chi lucra.

    Il governo ha il dovere di garantire il rispetto delle regole, non essere assente e intervenire facendo pagare di più.

    In assenza di provvedimenti atti a tutelare le uguaglianze dei diritti, invita i cittadini che si sentono discriminati e ingiustamente penalizzati, di rivolgersi allo SFIL per sottoscrivere un’azione per la tutela e il rispetto del diritto costituzionale dell’uomo.

     

     

    Il Presidente Federale

    Sabatino Esposito

    PUBBLICATO IL: 1 febbraio 2014 ALLE ORE 18:06