Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    PESCOPAGANO DI MONDRAGONE / Ok al piano di caratterizzazione e riqualificazione del laghetto alla foce del fiume Agnena


    Domenico Zinzi: “L’inserimento del laghetto di Pescopagano nel programma di caratterizzazione, non rappresenta solo un’opera di recupero ambientale, ma favorirà anche la nascita di un autentico presidio dello Stato, di un’infrastruttura che contrasterà l’abusivismo”. PESCOPAGANO DI MONDRAGONE - E’ stato inserito nel programma di caratterizzazione dell’Area dei laghetti di Castel Volturno il “laghetto” cui si riferisce […]

    Nella foto, Domenico Zinzi

    Domenico Zinzi: “L’inserimento del laghetto di Pescopagano nel programma di caratterizzazione, non rappresenta solo un’opera di recupero ambientale, ma favorirà anche la nascita di un autentico presidio dello Stato, di un’infrastruttura che contrasterà l’abusivismo”.

    PESCOPAGANO DI MONDRAGONE - E’ stato inserito nel programma di caratterizzazione dell’Area dei laghetti di Castel Volturno il “laghetto” cui si riferisce il progetto di riqualificazione ambientale e conversione in darsena da diporto nautico e pesca professionale redatto dalla Provincia di Caserta.

    La Provincia aveva richiesto l’inclusione di tale piccolo specchio d’acqua nell’ambito del programma di caratterizzazione dei cosiddetti laghetti di Castel Volturno. Il laghetto, individuato con il n. 13/II nell’ambito del piano di recupero ambientale del Commissario di Governo adottato con O.C. 68/2004 (BURC 12/2004) e facente parte del collettivo dei 5 laghetti in località Pescopagano, è situato tra i comuni di Mondragone e Castel Volturno.

    Grazie a questo risultato sarà possibile, quindi, ottenere dei finanziamenti per svolgere le attività di caratterizzazione dell’area. Altra novità importante è quella della creazione, proprio nei pressi del laghetto, di un mercato ittico a km 0, nel quale sarà venduto il pescato delle coste casertane.

    “L’inserimento del laghetto di Pescopagano nel programma di caratterizzazione – ha spiegato il presidente della Provincia di Caserta, Domenico Zinzi  – non rappresenta solo un’opera di recupero ambientale, ma favorirà anche la nascita di un autentico presidio dello Stato, di un’infrastruttura che contrasterà l’abusivismo e supporterà l’attività economica della pesca professionale. Abbiamo raggiunto un obiettivo importante dopo un lavoro costante nel tempo. Per questo – ha concluso Zinzi – intendo ringraziare l’assessore Paolo Bidello e fare i complimenti a lui e a tutto il Settore dell’Ente”.

    PUBBLICATO IL: 11 aprile 2013 ALLE ORE 17:33