Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ORE 20,10 MADDALONI, LIVE DAL CONSIGLIO COMUNALE-Presentati gli assessori con le deleghe ufficiali. Giacomo Lombardi ce la fa: è presidente del Consiglio. A sorpresa, Gigi Bove raccoglie 10 voti


      Si conclude la nostra diretta scritta. Tra stasera e domani mattina il resoconto giornalistico completo della seduta. La performance del consigliere comunale del Pdl fa pensare ad un abboccamento dell’opposizione nei suoi confronti. Sin da queste prime battute si capisce che la navigazione di questa amministrazione sarà tutt’altro che agevole. Cade nel vuoto l’invito […]

    Nella foto, il primo consiglio comunale di Maddaloni

     

    Si conclude la nostra diretta scritta. Tra stasera e domani mattina il resoconto giornalistico completo della seduta. La performance del consigliere comunale del Pdl fa pensare ad un abboccamento dell’opposizione nei suoi confronti. Sin da queste prime battute si capisce che la navigazione di questa amministrazione sarà tutt’altro che agevole. Cade nel vuoto l’invito di De Filippo, affinchè Giacomo Lombardi rinunciasse all’indennità. Minuto per minuto la seduta di insediamento iniziata alle 17.45. Il Pd dà subito battaglia e si astiene sulle questioni preliminari. Il sindaco De Lucia: “Basta con la politica di strada. Dal confronto e da dialogo deve arrivare il riscatto della città”

    Il racconto di Antonietta Sasso

    MADDALONI -ORE 20,10 -  Il sindaco De Lucia ha presentato al consiglio comunale la nuova giunta. Giuseppe D’Alessandro (Pdl) ha avuto le deleghe ai lavori pubblici e all’urbanistica; Michele Cerreto (Udc) alle attività produttive, Tommaso Ferraro (Terra mia) risorse umane,  in poche parole il personale, e i vigili urbani; Salvatore Magliocca (Maddaloni Futuro) alle politiche socialli senza la 328, delega che resta al sindaco; delega leggera per Cecilia D’Anna (Più Maddaloni) che si occuperà di pubblica istruzione,mentre Rosaria Bove sarà l’assessora agli affari legali, cioè al contenzioso.

    Il sindaco De Lucia, oltre alla 328 tiene per se anche la delega al bilancio e quella all’ecologia. Si conclude la nostra diretta scritta dal consiglio comunale che in questi minuti sta consumando le fasi del dibattito, di cui vi daremo conto in un articolo riassuntivo e definitivo tra la serata di oggi, lunedì, e la mattinata di domani, martedì.

    MADDALONI – ORE 19.11 – Alla fine, Giacomo Lombardi ce l’ha fatta e da qualche minuto è il nuovo presidente del Consiglio comunale di Maddaloni. Per lui 15 voti. Ma la novità del giorno sono i 10 voti conquistati da Gigi Bove, consigliere comunale del Pdl. Una variabile nuova che potrebbe far pensare ad un possibile passaggio dello stesso Bove tra le fila dell’opposizione, che apparentemente, l’ha votato compatto. Comunque su questi numeri, approfondiremo nel servizio che nella serata dedicheremo a questo primo Consiglio comunale.

     

    MADDALONI – ORE 18.57 – Niente da fare neanche per la seconda votazione per Giacomo Lombardi. Anzi i voti sono anche diminuiti. Si è passati dai 15 della prima votazione ai 13 della seconda. Resta fisso il numero delle schede bianche, 9. C’è una nulla. Un voto per Gigi Bove ed un altro per Enrico Pisani

     

    MADDALONI – ORE 18.40 – Giacomo Lombardi non ha detto che rinuncerà all’indennità, per cui i voti del gruppo di Andrea De Filippo si sono aggiunti a quelli delle altre opposizioni. 9 schede bianche, 15 voti per Lombardi, un franco tiratore per Giusy Pascarella. Insomma, Lombardi non passa alla prima votazione quando occorrono 16 voti, cioè la maggioranza dei 2/3 dei consiglieri.

    Nella seconda votazione occorrerà ancora la maggioranza qualificata, mentre dalla terza sarà sufficiente la maggioranza semplice di 13 voti.

     

    MADDALONI – ORE 18.27 – E’ la volta dell’intervento di uno dei tre leader dell’opposizione, Andrea De Filippo: “Ho ascoltato con attenzione e interesse le parole del sindaco De Lucia, soprattutto nella parte relativa al richiamo alla cortesia e al bon ton istituzionale, che devono connotare i rapporti tra una maggioranza e una opposizione, entrambe tese al bene di Maddaloni. Però, devo registrare che queste parole e questo invito si scontrano con un atteggiamento della maggioranza che già dall’inizio tende ad escludere le opposizioni proprio su quelle questioni di tipo istituzionale che dovrebbero rappresentare un terreno di costruttivo confronto.

    Della carica di presidente del Consiglio comunale – ha continuato De Filippo – avete parlato tra di voi e l’avete scelta solo voi. Questo non va nella direzione del dialogo auspicato dal sindaco, dato che il presidente del Consiglio, dovrebbe essere una figura, appunto, solo istituzionale, a garanzia di tutti i consiglieri comunali.

    Comunque, noi siamo pronti anche a votare il presidente che la maggioranza ci proporrà, contribuendo al raggiungimento immediato della quota qualificata dei 2/3 che occorrono per eleggerlo immediatamente. Ma poniamo una condizione: siccome il Consiglio comunale si riunirà una volta, massimo due volte al mese, il presidente del Consiglio dovrà rinunciare alla sua indennità”.

     

    MADDALONI – ORE 18.16 – E’ cominciato da meno di mezz’ora il primo consiglio comunale della sindacatura di Rosa De Lucia. Seduta presieduta da Teresa Cafarelli, consigliere anziano, in quanto più votata all’interno della lista più votata, che è stata quella di Maddaloni nel Cuore.

    Già sulle questioni di tipo preliminare, collegate all’elegibilità dei consiglieri, alle incompatibilità, gli stessi si è registrato un distinguo del Pd, che si è astenuto sia con Gaetano Esposito, che con Francesco Capuozzo.

    Poi ha preso la parola il sindaco De Lucia, che ha auspicato un ritorno ad una politica fondata sul dialogo e sul confronto, che si affranchi dalla logica della strada e che ridia dignità a Maddaloni.

    “Ringrazio tutti quelli che mi hanno sostenuta, ma da oggi, sono il sindaco di tutta Maddaloni”

    PUBBLICATO IL: 1 luglio 2013 ALLE ORE 18:23