Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Ore 16.34 CASERTA- Stangata TARSU: i casertani dovranno pagare il 5% in più. Respinto dal consiglio l’emendamento.


    La mattinata assorbita, per buona parte, da un acceso dibattito sull’aumento dell’aliquota, collegata, fondamentalmente all’incremanto dei costi per il conferimento, deciso dalla Gisec. Ma naturalmente è scoppiata la polemica sulle cifre della differenziata e sull’ incertezza dei numeri dichiarati in merito al conferimento. IN CALCE ALL’ARTICOLO IL TESTO INTEGRALE DELLA DELIBERA     Caserta- La […]

    Nella foto Tresca e Apperti


    La mattinata assorbita, per buona parte, da un acceso dibattito sull’aumento dell’aliquota, collegata, fondamentalmente all’incremanto dei costi per il conferimento, deciso dalla Gisec. Ma naturalmente è scoppiata la polemica sulle cifre della differenziata e sull’ incertezza dei numeri dichiarati in merito al conferimento. IN CALCE ALL’ARTICOLO IL TESTO INTEGRALE DELLA DELIBERA

     

     

    Caserta- La prima parte del consiglio comunale che nel pomeriggio sarà dedicato poi, al dibattito e al voto sul bilancio, è stata assorbita dalla relazione allo stesso bilancio, fatta dall’assessore Nello Spirito, a cui dedicheremo un articolo a parte, e alla vivace discussione sull’aumento della TARSU del 5%.

    La questione è nota ai lettori di Casertace, dato che è determinata dal contestatissimo incremento dei costi di smaltimento dei rifiuti presso gli impianti gestiti dalla Gisec S.p.a., società con capitale interamente sottoscritto dall’amministrazione provinciale.

    I consiglieri di opposizione del PD e di Speranza per caserta hanno presentato un emendamento, provando a contenere l’aumento ad una quota del 2%. Emendamento respinto con 17 no, a dimostrazione che del Gaudio la maggioranza anche sul bilancio ora ce l’ha, e 12 si.

    Ci sono troppe cose non chiare“- ha dichiarato Francesco Apperti di Speranza per Caserta, che ha presentato l’emendamento insieme ad Enrico Tresca del PD -. “Non sono chiari i tonnellaggi della frazione umida e dell’indifferenziato. Ecocar ha pubblicato i dati relativi al periodo tra Febbraio e Ottobre, dunque- prosegue apperti davanti al taccuino di Casertace- in proiezione quei numeri sono destinati a ridursi ed è questo il motivo per cui l’aumento del 5% è spropositato.

    Tra le altre cose Apperti denuncia un’evidente difformità tra i dati a sua disposizione e quelli del comune. “E anche la ragione addotta dell’evasione fiscale la cui lotta,  segnata da buoni risultati avrebbe consentito di evitare l’aumento dell’aliquota negli ultimi 7 anni, rappresenta una argomentazione che non coincide con una ragione- conclude Apperti -ma con un pretesto.”

     

    CLICCA QUI PER LEGGERE LA DELIBERA DI GIUNTA

     

    CLICCA QUI PER LEGGERE LA DELIBERA RELATIVA ALLA TARSU

     

     

    PUBBLICATO IL: 29 novembre 2013 ALLE ORE 16:48