Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MONDRAGONE / Una nuova mozione consiliare sulla Tarsu. Fusco, Cennami & C.: ecco come risparmiare sulla Tares


      Mentre in città si festeggia la patrona, Maria Ss Incaldana, le opposizioni ritornano a far sentire la propria voce sulla questione degli avvisi di accertamento relativi agli anni 2006-2012   MONDRAGONE – Mentre nella cittadina di Mondragone si susseguono i giorni della festa per la sua patrona, Maria Ss Incaldana, la politica non va […]

     

    Nelle foto, da sinistra, Mario Fusco, Francesco Supino, Emilio Martucci e Achille Cennami

    Mentre in città si festeggia la patrona, Maria Ss Incaldana, le opposizioni ritornano a far sentire la propria voce sulla questione degli avvisi di accertamento relativi agli anni 2006-2012

     

    MONDRAGONE – Mentre nella cittadina di Mondragone si susseguono i giorni della festa per la sua patrona, Maria Ss Incaldana, la politica non va in vacanza.

    Schiappa sta tentando di ricucire gli strappi verificatisi in maggioranza e nel contempo, ormai, la convocazione del Consiglio comunale resta una visione lontana. Sull’altro fronte, quello delle opposizioni, si sta elaborando una nuova mozione consiliare relativa ai ruoli Tarsu.

    Questa volta ad incardinare una nuova iniziativa politica sul fronte fiscale, è  il referente di Io Amo Mondragone, Mario Fusco, che sarà coadiuvato dai consiglieri Achille Cennami, Emilio Martucci e Francesco Supino del Pd.

    In cosa consiste questa nuova mozione? Nell’appostare, semplicemente, gli introiti “alterati” derivanti dagli accertamenti Tarsu, nel Capitolo di Bilancio relativo proprio alla gestione dei rifiuti, al fine di consentire, poi, la conseguente riduzione del carico fiscale della futura Tares.

    Poichè sappiamo che le cartelle e gli avvisi di accertamento della Tarsu, relativi agli anni 2006-2011 contengono parecchi errori a danno dei contribuenti; poichè a breve il Comune comincerà ad incassare queste somme; la nostra proposta è quella di creare un apposito capitolo di Bilancio, nel quale determinare l’entrata effettiva che registrerà l’Ente. Questi soldi, poi – precisa Fusco - invece di essere spesi e via discorrendo, potranno di conseguenza essere redistribuiti ai contribuenti abbassando gli imponibili Tares“.

    Ora bisognerà, in tale frangente, vedere se l’amministrazione comunale recepirà questa proposta.

    Max Ive

    PUBBLICATO IL: 1 aprile 2013 ALLE ORE 18:08