Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MONDRAGONE – Il sindaco Schiappa si firma avvocato, ma ancora non lo è. E per il convegno con Caldoro scomoda pure San Valentino


        Sboccia l’amore tra la Nugnes, Caldoro, il romaniano Schiappa e Giovanni Zannini. di Max Ive MONDRAGONE – Per chi è credente, vuoi vedere che San Valentino ha fatto il miracolo a Mondragone? Vuoi vedere… per chi non è credente, che Cupido ha scoccato, dopo tanto odio, una freccia amorosa indirizzandola sulla città di Mondragone? […]

    Nelle foto, i manifesti nuovi, Giovanni Schiappa, Cupido-San Valentino, Giovanni Schiappa, Daniela Nugnes e Paolo Romano

     

     

    Sboccia l’amore tra la Nugnes, Caldoro, il romaniano Schiappa e Giovanni Zannini.

    di Max Ive

    MONDRAGONE – Per chi è credente, vuoi vedere che San Valentino ha fatto il miracolo a Mondragone? Vuoi vedere… per chi non è credente, che Cupido ha scoccato, dopo tanto odio, una freccia amorosa indirizzandola sulla città di Mondragone? Direte voi perchè? Perchè da un lato è stato inserito, nella nottata trascorsa, il nome del primo cittadino Schiappa nel manifesto del convegno Grande Progetto Bandiera Blu dopo una settimana di polemiche tra gli uomini di Paolo Romano (Nuovo Centrodestra) e i delegati caldoriani, quali Daniela Nugnes e Massimo Grimaldi; dall’altro nelle ultime ore mediante un numero di telefono, (472442772) sta giungendo ai mondragonesi un messaggio a firma di Giovanni Schiappa nel quale si invitano i cittadini a partecipare al convegno con Caldoro “Oggi è la festa degli innamorati e, con la Bandiera blu proviamo a reinnamorarci della Nostra Terra!. Con l’onorevole Caldoro ti aspetto h.17 al teatro Ariston. Non mancare“.

    Gli influssi amorosi non finiscono qui, in quanto il responsabile dei centristi, Giovanni Zannini, mediante una nota stampa ufficiale,  ha deciso di essere solidale con il primo cittadino per quanto accaduto in settimana augurandosi che possa essere “inaugurata una stagione di pace, amore… e dialogo per il bene della città (quello vero però’ e non quello che ha fatto nascere il patto del ribaltone tra lui e Cennami)“.

    Questo clima di amore alla naftalina che precede il convegno per la Bandiera Blu,è minacciato, nel contempo da un presupposto di correttezza comunicativa nell’elaborazione del nuovo manifesto. Direte voi perchè? Perchè il centrista sottolinea nel suo inciso il fatto che il nome del sindaco è preceduto dalla qualifica professionale di avvocato, quando risulterebbe invece essere un praticante avvocato. In virtù di cio’ il titolo da indicare non sarebbe stato quello di avvocato, ma di dottore, così come sarebbe previsto nell’esplicitazione pubblica dei titoli professionali – a detta dell’avvocato penalista mondragonese.

    Al di là delle precisazioni, degli amori nuovi sbocciati e della pace dei sensi raggiunta grazie al dì di San Valentino,  ora la parola passa ai contenuti del convegno, perchè i cittadini vogliono conoscere il cronoprogamma degli interventi e come in concreto si recupereranno le realtà degradate del territorio.

     

     QUI SOTTO IL TESTO INTEGRALE DELLA NOTA DI GIOVANNI ZANNINI

    Le vicende di questi giorni (e soprattutto la ricorrenza della festività’ di San Valentino) mi impongono di non far mancare un mio sentito messaggio di solidarietà in favore del nostro primo cittadino che spero voglia inaugurare una stagione di pace, amore (politico intendo)  e dialogo per il bene della città (quello vero però’ e non quello che ha fatto nascere il patto del ribaltone tra lui e Cennami)

    Per il resto, ho saputo che questa notte…..sarebbe stato stampato un nuovo manifesto in cui è’ indicata anche la presenza del sindaco Schiappa al Convegno che si terrà in data odierna al teatro Ariston sulla tematica Bandiera Blu.

    Mi rendo conto che la decisione di far stampare a poche ore dal convegno il nuovo manifesto e’ stato l’unico modo per interrompere il noioso piagnisteo del nostro primo cittadino che da una settimana a questa parte altro non ha fatto se non agitarsi  non già per non essere stato invitato al convegno (tutti i sindaci sono stati invitati) ma per il fatto che il suo nome non risultava pubblicato sul manifesto. A proposito (giusto per precisare) sul manifeso c’e’ un piccolo errore. Il titolo professionale  del sindaco e’ quello di “praticante avvocato” e non avvocato come risulta erroneamente pubblicato. Nessuno se ne è’ accorto?  Ma tant’e’!

    In ogni caso bravo Caldoro e il suo entourage a smorzare l’inutile, ennesima sterile polemica (legata solo ad aspetti di facciata e giammai a contenuti) innescata da Schiappa che dopo essersi recentemente intrufolato (e’ proprio il caso di dirlo) nel convegno dei commercialisti sulla Tares si intrufola nuovamente non già in un convegno, ma bensì in un manifesto in cui evidentemente Caldoro non aveva ritenuto di inserirlo. Questa piccola, triste, vicenda tutta mondragonese avrà ben fatto capire a Caldoro le grandi qualità di vittimismo  di cui è naturalmente portatore  il sindaco Schiappa. La figuraccia per il nostro primo cittadino rimane e si estende a tutta la città.

    In ogni caso spero davvero che oggi prevalgano i contenuti e non le passerelle politiche e soprattutto spero che le polemiche innescate dal sindaco non provochino un isolamento politico della nostra città.

    E soprattutto spero che Schiappa metta mano quanto meno possibile ad ogni adempimento burocratico connesso al progetto Bandiera Blu. L’immobilismo in cui versa la nostra città sotto la sua gestione non mi farebbe ben sperare.

    Credo altresì che il teatrino di cui si è reso protagonista il sindaco imponga da parte sua le scuse a Caldoro.

    Avv Giovanni Zannini

    PUBBLICATO IL: 14 febbraio 2014 ALLE ORE 16:06