Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MARCIANISE – DOPPI TURNI AL “QUERCIA” E AL “NOVELLI” – E’ sempre guerra fredda tra Zinzi e il Comune di Marcianise. Il sindaco De Angelis: “Tra qualche giorno il tavolo tecnico”


    Probabilmente, nei rapporti tra i due enti istituzionali pesa ancora il caso Colella (CLICCA QUI PER LEGGERE I NOSTRI ARTICOLI SULLA VICENDA). Il primo cittadino si è reso però disponibile ad un confronto per trovare nuovi spazi e nuove aule, al fine di evitare lo sconcio delle lezioni al pomeriggio   MARCIANISE – Il tavolo […]

    Probabilmente, nei rapporti tra i due enti istituzionali pesa ancora il caso Colella (CLICCA QUI PER LEGGERE I NOSTRI ARTICOLI SULLA VICENDA). Il primo cittadino si è reso però disponibile ad un confronto per trovare nuovi spazi e nuove aule, al fine di evitare lo sconcio delle lezioni al pomeriggio

     

    MARCIANISE – Il tavolo di discussione si terrà a fine settimana. Questa la risposta secca del sindaco Antonio De Angelis, il quale, in merito alla nota inviata dalla Provincia al Comune di Marcianise, da noi integralmente pubblicata qualche ora fa (CLICCA QUI PER LEGGERE IL NOSTRO ARTICOLO ), è intervenuto a fare alcune precisazioni.

    “La risoluzione del problema dei doppi turni di lezioni del liceo “Quercia” e dell’Isiss “Novelli”, resisi indispensabili per far fronte al vertiginoso incremento delle iscrizioni per l’anno scolastico in corso, è di competenza provinciale” spiega il primo cittadino.

    Fugato il dubbio, dunque, a coloro i quali, leggendo lo scritto della Provincia, si fossero chiesti di chi fosse l’onere di provvedere al reperimento di nuovi locali che possano ospitare le 15 classi eccedenti del “Quercia” e le 25 del “Novelli”, che al momento frequentano le lezioni alternandosi su due turni per usufruire delle aule.

    Se il Comune di Marcianise ha tardato a convocare il tavolo tecnico richiesto dai vertici provinciali – continua il sindaco – è perchè ha avuto bisogno del tempo necessario ad effettuare un censimento delle strutture idonee alle esigenze scolastiche, che fossero disponibili e affittabili. Ci siamo offerti di dare una mano alla Provincia nella ricerca dei locali  perchè ci rendiamo conto di essere più radicati sul territorio, di sapere meglio come muoverci, ma soprattutto per cercare di risolvere quanto prima l’urgenza dei nostri studenti, che risentono moltissimo di questa condizione provvisoria di studio”.

    Alla fine di questa settimana, dunque, avrà luogo l’incontro che la Provincia ha reiteratamente richiesto, la cui convocazione ufficiale potrebbe pervenire già nella giornata di domani.

     

    Maria Concetta Varletta

     

     

     

    PUBBLICATO IL: 25 novembre 2013 ALLE ORE 19:03