Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    GRAZZANISE/ L’appello di Massaro ai commissari: non perdiamo i finanziamenti per video sorveglianza e centro giovanile


      Nell’incertezza del voto-non-voto, nell’avvio, alla cieca, della campagna elettorale, giacché certezza di urne non ne abbiamo, Davide Massaro, ex consigliere del gruppo La Svolta, ripesca i progetti intavolati con la giunta Parente e sollecita i traghettatori della macchina comunale alla loro concretizzazione. Si rischia di perdere i fondi stanziati.   Grazzanise – Quando un […]

    Nella foto Massaro e la struttura che dovrebbe ospitare il centro di aggregazione

     

    Nell’incertezza del voto-non-voto, nell’avvio, alla cieca, della campagna elettorale, giacché certezza di urne non ne abbiamo, Davide Massaro, ex consigliere del gruppo La Svolta, ripesca i progetti intavolati con la giunta Parente e sollecita i traghettatori della macchina comunale alla loro concretizzazione. Si rischia di perdere i fondi stanziati.

     

    Grazzanise – Quando un comune subisce un commissariamento a volte scatta, nella percezione dei cittadini, il sentore di non essere realmente guidati. Lì, a gestire il territorio, non ci sono uomini eletti, ma sono presenti uomini di Stato, messi lì per colmare un vuoto, per fare chiarezza.

    Le dimissioni di sindaco e consiglieri comunali hanno determinato un fisiologico arresto delle attività che la maggioranza, guidata da Pietro Parente, aveva intavolato e cominciato a concretizzare. Qualche ex consigliere di maggioranza, però, non si crogiola nel periodo di stallo politico, figlio del commissariamento prefettizio e dell’incertezza del voto-non-voto, e sollecita gli organi traghettatori del comune grazzanisano,  a riprendere  i progetti avviati dall’amministrazione Parente.

    Nello specifico ci riferiamo all’ex consigliere Davide Massaro e al progetto P.O.N. Sicurezza Sud 2007/2013. Si tratta di un prospetto, proposto alla giunta Parente lo scorso 28 marzo 2012 , che avrebbe permesso la creazione di un centro di aggregazione giovanile (finanziato dal programma PON Sicurezza asse 2 obbiettivo 8) nella struttura incompleta di via Albero lungo, nata, in principio per divenire asilo nido, e l’istallazione di un sistema di video sorveglianza sull’intero territorio comunale al fine di contrastare per esempio i tanto odiati furti nelle private abitazione e dare in generale uno strumento utilissimo per le locali forze dell’ordine .

    Massaro, sostenendo che per la realizzazione di questi progetti  non è necessario alcun aggravio di spesa per il bilancio dell’ente al di fuori delle implicite e  poche spese di gestione e manutenzione da spalmare comunque   negli anni  futuri, ha incalzato gli uffici preposti a valutarli tecnicamente, in termini di fattibilità.

    Il timore è quello di fare perdere, per futura riduzione dei fondi preposti, queste opportunità di diffusione e sviluppo della legalità tesa a rendere il territorio comunale più protetto e meno aggredibile dalla criminalità.

    L’ex consigliere mette in evidenza anche l’esigenza di donare al Forum dei giovani una struttura più accogliente ed accessibile, senza barriere architettoniche.

    Lo sappiamo, nei periodi di commissariamento la tendenza è quella di gestire e garantire l’ordinario, ma, qualora la possibilità di un voto dovrebbe rivelarsi un miraggio, sarà inevitabile assistere a spinte, da parte di politici e associazioni, tese a prendere non solo l’ordinario ma una gestione produttiva.

    Giuseppe Tallino 

    PUBBLICATO IL: 28 gennaio 2013 ALLE ORE 14:12