Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    LA MANIFESTAZIONE DI PESCOPAGANO – A volte tornano… Il vendoliano Scocca issa lo stendardo dell’associazione Res Castel Volturno per ottenere la scogliera a Bagnara


        Sabato mattina, sarà il tessuto politico dei centri sociali ad intervenire in loco per denunciare l’erosione costiera dopo i flop dei partiti di Castel Volturno. Al fianco del seguace Nichi anche Anna De Vita CASTEL VOLTURNO - Sabato pomeriggio, fuori al portone di ingresso della parrocchia San Gaetano di Pescopagano, abbiamo incontrato uno […]

     

    Nelle foto, da sinistra una manifestazione di Ciro Scocca con gli africani a Castel Volturno e Anna De Vita

     

    Sabato mattina, sarà il tessuto politico dei centri sociali ad intervenire in loco per denunciare l’erosione costiera dopo i flop dei partiti di Castel Volturno. Al fianco del seguace Nichi anche Anna De Vita

    CASTEL VOLTURNO - Sabato pomeriggio, fuori al portone di ingresso della parrocchia San Gaetano di Pescopagano, abbiamo incontrato uno dei residenti della frazione di Bagnara, che intervistammo lo scorso mese di marzo sulla vicenda dell’erosione costiera.

    Stiamo scrivendo di Giuseppe Sapio, il quale era intento assieme ad un amico nel distribuire il volantino che annunciava e invitava i pescopaganesi a mobilitarsi per la manifestazione che si terrà sabato mattina, 7 settembre, alle 8.45 al fine di ottenere la scogliera.

    Una miriade di associazioni, infatti, hanno deciso di attivarsi, forse perchè richiamate dall’associazione Res di Castel Volturno per alzare la voce contro il muro del silenzio calato sulla vicenda della scogliera di Pescopagano. Alla fine dell’incontro avuto con Sapio abbiamo riscontrato che il gruppo di cittadini che si era attivato per ottenere maggiori garanzie, più sicurezza sulla spiaggia di Bagnara di Pescopagano, dove sussistono case e villini pericolanti, distrutti dal mare che avanza inesorabilmente, alla fine sono stati costretti a chiedere aiuto e a riceverne da due esponenti della società civile che un anno fa furono anche protagonisti della stagione politica e associativa di Castel Volturno, durante la fase preelettorale.

    Stiamo scrivendo del seguace di Nichi Vendola, quindi di Sel, Ciro Scocca e di Anna De Vita. Ad un anno dal voto, come dimostra un comunicato fatto girare in questi giorni la coppia di attacco al “sistema” politico castellano è scesa in campo a Pescopagano mediante l’associazione Res Castel Volturno. Questa volta Scocca non ha deciso di issare il vessillo dei Vendoliani, ma di presentarsi alla comunità di Pescopagano con la bandiera delle associazioni.

    Scocca e De Vita lo hanno fatto nel momento in cui, chi… del mondo politico locale e non solo, non ha dato risposte esaurienti al problema di Bagnara o francamente ha agito in maniera da generare qualche perplessità e dubbio nei residenti di questa zona.

    Sabato mattina, così non scenderanno in campo i partiti, ma ci saranno quasi tutte quelle associazioni che ruotano attorno al tessuto politico dei centri sociali. Non a caso ha aderito alla kermesse anche l’ex Canapificio di Caserta.

    Un po’ di rumore, comunque, serve in questa zona

    Max Ive

     QUI SOTTO IL COMUNICATO STAMPA DELL’ASSOCIAZIONE RES 
    Castel Volturno ha 27 km di costa e a nord della foce del fiume Volturno, tra Bagnara e Mondragone, comune limitrofo, da anni si verifica il fenomeno dell’erosione della spiaggia che richiederebbe un immediato intervento per porre fine a questo disastro ecologico che minaccia da tempo il bene comune. L’associazione RES, con l’adesione del CSA ex Canapificio di Caserta, ha raccolto l’appello di un cittadino che non si vuole arrendere all’ indifferenza e all’ incuria inviando richieste di aiuto ad associazioni, giornali, cittadini perché qualcosa si muovesse a difesa della costa. L’intento della manifestazione è quello di sostenere,  l’azione di denuncia degli abitanti della zona e accendere una luce nel buio dell’indifferenza per una località abbandonata a se stessa dove, un bene come la spiaggia è stato trascurato per troppo tempo, senza programmare interventi risolutivi per arginare l’invasione del mare sulla terraferma e che ha visto scomparire in pochi anni anni 500 metri circa di costa, facendo passare sotto silenzio i ripetuti appelli di cittadini allarmati dal disastro che si consuma.

    Per contatti:

    Ciro Scocca, 348.3996200 Associazione RES

    Anna De Vita, 334.8896413 Associazione RES

     

     

    PUBBLICATO IL: 3 settembre 2013 ALLE ORE 11:50