Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    LA LETTERA – Il pic nic della discordia…, sui Campetti della Reggia vige un divieto


    Ci scrive un nostro lettore che riporta all’auge della cronaca cittadina la questione dell’ordinanza sindacale 39 del 2013 mediante la quale si vieterebbe l’ingresso nei prati e di formare rifiuti Egregio Direttore,   ieri, quando sulla Gazzetta di Caserta ho letto la notizia che ad iniziativa di Alessandro Santulli è stato promosso un picnic ai Campetti […]

    La Reggia di Caserta

    Ci scrive un nostro lettore che riporta all’auge della cronaca cittadina la questione dell’ordinanza sindacale 39 del 2013 mediante la quale si vieterebbe l’ingresso nei prati e di formare rifiuti

    Egregio Direttore,

     

    ieri, quando sulla Gazzetta di Caserta ho letto la notizia che ad iniziativa di Alessandro Santulli è stato promosso un picnic ai Campetti della Reggia alle 21,00 di stasera (con persino un torneo di calcio, sic!), mi è venuto un colpo.

    Per quanto i promotori usino un forestierismo, quella annunciata resta pur sempre una scampagnata paesana ed allora io non mi capacito.

    In primo luogo, sanno i nostri che per i  Campetti della Reggia vige l’ ordinanza sindacale n.39 del 2013 che fa divieto (molto appropriatamente) di introdursi nei prati e di formare rifiuti ?

    Se poi fosse stata rilasciata un’apposita autorizzazione comunale per l’evento, sorge in secondo luogo l’interrogativo culturale su come debba essere intesa tale spazio. Se esso va considerato uno spazio cittadino come un altro, allora tutto sarebbe lecito, compresi i picnic, i concerti alla Siani e qualsiasi altra iniziativa bislacca. Se invece, come credo, Piazza Carlo III va considerata in maniera unitaria come bene monumentale intimamente connesso con il Palazzo Reale, essa va allora rigorosamente tutelata ed iniziative come questa non sono minimamente ipotizzabili.

    Se l’autorizzazione non c’è, poi, i nostri vigili urbani sono a conoscenza della cosa e permetteranno che si violi impunemente l’ordinanza sindacale ?

    Ma quello che più mi sconcerta è la mancanza negli ideatori della scampagnata e dei seguaci, per quanto prevalentemente, di un sentimento di rispetto e di decoro del luogo.

    Per soddisfare il loro desiderio di comunitarismo, di tornei di calcio e di badminton, consiglio i tanti spazi cittadini che a questo si prestano, dalla Vaccheria alla Villetta Maria Carolina, da Piazza Pitesti all’area verde di via Galilei, alla stessa piazza Vanvitelli.

    Con i più sentiti saluti,

     

    Pasquale Manzo

    PUBBLICATO IL: 14 agosto 2013 ALLE ORE 14:34