Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    LA LETTERA Casimiro, Casimiro… tanti imbucati al concerto e fai pagare il biglietto a un neonato di 8 mesi


        Una lettrice ci ha scritto esibendo come prova il biglietto relativo al concerto di Daniele Silvestri LA LETTERA – Vi scrivo perché lo scorso 8 settembre, mi è accaduta una cosa mortificante ed a mio parere vergognosa. Sono di Frosinone, ho un bimbo di 8 mesi e domenica sono andata (con lui ed altre […]

    Nella foto i biglietti della madre pagati per se e per il bimbo di otto mesi e Casimiro Lieto

     

     

    Una lettrice ci ha scritto esibendo come prova il biglietto relativo al concerto di Daniele Silvestri

    LA LETTERA – Vi scrivo perché lo scorso 8 settembre, mi è accaduta una cosa mortificante ed a mio parere vergognosa.

    Sono di Frosinone, ho un bimbo di 8 mesi e domenica sono andata (con lui ed altre persone), come faccio ogni anno, a Caserta Vecchia in occasione della manifestazione regionale Settembre al Borgo.

    Alle ore 21.00 iniziava il Concerto di Daniele Silvestri. Al concerto  ho trovato alquanto assurdo che mio figlio di OTTO MESI, che non ha occupato il posto, che ha dormito per quasi tutto il concerto e che, addirittura, sarebbe dovuto entrare anche senza passeggino (secondo loro), abbia dovuto pagare il biglietto intero. Mio figlio ha SOLO OTTO MESI. E’ piccolo, non paga gli hotel, i parchi gioco e neanche l’aereo!

    Quando ho acquistato i biglietti in ticketteria ho chiesto chiaramente se il mio bimbo avrebbe dovuto pagare e mi è stato risposto di no in quanto, appunto, troppo piccolo.

    Quando sono arrivata all’ingresso della Torre mi hanno detto che mio figlio non poteva entrare senza biglietto perché dovevano pagare i bambini di tutte le età (il ridotto in questo caso). Sono dovuta andare allora al botteghino dove mi hanno fatto pagare il biglietto intero dando il posto a mio figlio lontano dal mio e mi hanno detto che non sarei potuta entrare con il passeggino (con il quale poi sono entrata perché, fortunatamente, avevo un posto dove c’era il “corridoio” per passare ).

    Vedere persone alzarsi ed andare via perché i loro bambini si erano addormentati in braccio è stata una cosa vergognosa.  E se fosse andata una persona con la sedia a rotelle a vedere il concerto?

    Dietro il biglietto acquistato c’è questa dicitura: “l’ingresso ai luoghi di svolgimento degli eventi non è soggetto a discriminazioni di ETÀ, sesso, razza e religione” Cosa aggiungere?!?

    PUBBLICATO IL: 12 settembre 2013 ALLE ORE 18:04