Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    LA FOTO – Lo scrittore Pascale torna a Carinola col suo nuovo romanzo


      Presentato “Le attenuanti sentimentali” a Palazzo Novelli CARINOLA - Antonio Pascale torna con un nuovo romanzo presentato nella biblioteca comunale di Carinola. In questi ultimi anni, tra collaborazioni con Il Mattino, Il Messaggero, il Corriere della Sera, il Post e la figura di intellettuale di servizio nella trasmissione televisiva le invasioni barbariche di Daria […]

    Da sinistra, Guarriello, Pascale e Pierri

     

    Presentato “Le attenuanti sentimentali” a Palazzo Novelli

    CARINOLA - Antonio Pascale torna con un nuovo romanzo presentato nella biblioteca comunale di Carinola. In questi ultimi anni, tra collaborazioni con Il Mattino, Il Messaggero, il Corriere della Sera, il Post e la figura di intellettuale di servizio nella trasmissione televisiva le invasioni barbariche di Daria Bignardi, Antonio Pascale ha concluso il suo ultimo lavoro “Le attenuanti sentimentali”, edito Enaudi. Il libro è stato presentato ieri a Palazzo Novelli­Petrucci di Carinola, che è anche sede dell’Associazione Amici della Biblioteca, la stesa che ha fortemente voluto questo incontro. Cerimoniere dell’evento è stato Carmine Guarriello, membro dell’Associazione, il quale dopo una breve ma corposa introduzione ha lasciato il microfono ad uno straripante Pascale che ha spiegato il suo libro, e non solo, con quel tono tanto confidenziale quanto erudito, non a caso le sue prime parole sono state “partiamo da una certezza, anche quest’anno il Napoli non vincerà lo scudetto” . Successivamente ha raccontato, con tanto di colori e metafore, il suo nuovo romanzo, dove il protagonista, per dirla alla Pascale, ha molte delle caratteristiche del suo autore: una tra tutte l’insonnia. Per sfuggire al traffico sferzante della città, e provare a contrastare l’insonnia, Antonio compra una bicicletta. La notte, però, continuano ad assalirlo pensieri che si susseguono indisciplinatamente: una sorta di «intasamento democratico» in cui il problema del riscaldamento globale ha lo stesso valore di un bottone della giacca che si stacca. Ma proprio da quel magma prende forma l’idea di girare un documentario sui sentimenti, che mischi neuroscienza, biologia evolutiva e psicologia: C’è chimica tra noi. Man mano che si va avanti, le varie circostanze, vicissitudini ed eventi fanno si che la realizzazione del documentario si allontana e quel sentimento dolceamaro della delusione rischia di prendere il sopravvento. La serata è stata arricchita da tante affascinanti e divertenti digressioni dell’autore, il quale è stato sottoposto a tantissime domande fatte dal pubblico, tra cui il Sindaco e Dimitri Maria Pierri presidente dell’Associazione Amici della Biblioteca, che ha chiuso il suo primo anno di attività con un evento degno della sua fama.

    Antonio Caputo

    PUBBLICATO IL: 31 dicembre 2013 ALLE ORE 8:21