Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    IL NUOVO CHE AVANZA: Filippo Maria Ferrucci nuovo difensore civico targato Zinzi e Pasquale Giuliano


        Mazzarella e Caserta si sono allineati alle posizioni del gruppo, e la fumata bianca si è registrata stamattina. Il Consiglio Provinciale, riunitosi questa mattina, ha eletto all’unanimità, con 28 voti, il nuovo difensore civico della Provincia di Caserta. Ferrucci è un magistrato in pensione, ma solo per modo di dire, visto che sicuramente fino […]

     

     

    Mazzarella e Caserta si sono allineati alle posizioni del gruppo, e la fumata bianca si è registrata stamattina. Il Consiglio Provinciale, riunitosi questa mattina, ha eletto all’unanimità, con 28 voti, il nuovo difensore civico della Provincia di Caserta. Ferrucci è un magistrato in pensione, ma solo per modo di dire, visto che sicuramente fino a qualche mese fa, non sappiamo se ancora oggi, è stato presidente della sezione casertana della commissione tributaria

     

     

     

    CASERTA – I giudici italiani non se la passano per niente male. Anche quando vanno in pensione, il loro cimitero degli elefanti è griffato con il marchio extralux.

    Lasciano la toga di un tribunale, di una corte d’appello, della Corte di Cassazione, o la scrivania di una Procura, e molto spesso vanno a guadagnare molto più nelle commissioni tributarie.

    Sicuramente fino a settembre scorso, Filippo Maria Ferrucci era presidente della sezione casertana della commissione tributaria. E questo spiega anche perchè sia uno degli uomini più corteggiati dai potenti di questa provincia. Non è escluso che il giudice Ferrucci, ancora oggi occupi quell’incarico. Speriamo che da domani non lo occupi più, perchè sarebbe piuttosto eccentrico e discutibile che l’uomo il quale, per volontà del presidente della Provincia Domenico Zinzi e dell’ex senatore Giuliano, è diventato da un paio d’ore difensore civico dell’amministrazione provinciale, incarico che non svolgerà gratis, ma che gli verrà retribuito, ad occhio e croce, con un 1500 euro al mese (secondo la riparametrazione dell’indennità destinata alla carica, nella misura del 50% di quella prevista per gli assessori provinciali) , cumuli questa carica a quella di giudice incaricato di dire l’ultima parola sui ricorsi presentati dai contribuenti casertani contro provvedimento dell’Agenzia delle Entrate.

    Questo lo vedremo nei prossimi giorni. Per ora ci limitiamo a registrare la sua elezione, la fumata bianca avvenuta durante la seduta del consiglio provinciale di oggi, grazie all’allineamento delle posizioni dei due consiglieri provinciali di Forza Italia, Filippo Mazzarella e Gennaro Caserta, a quel resto del gruppo.

    Circa tre mesi fa, proprio l’astensione dal voto di Mazzarella e Caserta, al tempo in dissidio con i loro colleghi targati Pdl, aveva impedito l’elezione di Ferrucci.

    La speranza è che quest’ultimo, che pure non è un imberbe, possa avere più energie da mettere a disposizione del suo incarico, rispetto a quelle che il suo predecessore, Caterino, tra le altre cose scomparso qualche mese fa, aveva profuso.

    PUBBLICATO IL: 31 gennaio 2014 ALLE ORE 16:40