Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    IL GIORNO DOPO I FUNERALI DI DI CATERINO / La lettera della mamma: “Grazie a tutti per non avermi lasciata sola nel giorno del dolore”


      12mila persone scese in piazza secondo la prefettura, le rose inviate dal commissario prefettizio, un servizio d’ordine impeccabile. Ora si attende che la giustizia faccia il suo corso   di Massimiliano Ive CASAPESENNA / SAN CIPRIANO – Il giorno dopo i funerali di Emanuele Di Caterino, il ragazzo ucciso ad Aversa, domenica scorsa, è stato […]

    Nella foto, Amalia Iorio nel giorno dei funerali

     

    12mila persone scese in piazza secondo la prefettura, le rose inviate dal commissario prefettizio, un servizio d’ordine impeccabile. Ora si attende che la giustizia faccia il suo corso

     

    di Massimiliano Ive

    CASAPESENNA / SAN CIPRIANO – Il giorno dopo i funerali di Emanuele Di Caterino, il ragazzo ucciso ad Aversa, domenica scorsa, è stato un giorno caratterizzato non solo dal ricordo dell’ultimo saluto offerto dalle popolazioni di San Cipriano di Aversa e di Casapesenna, ma anche dalla lettera di ringraziamento scritta dalla mamma di Emanuele, Amalia Iorio.

    Noi di Casertace, mediante il legale di fiducia della famiglia Di Caterino, Nando Letizia, siamo riusciti ad ottenerne una copia e la offriamo ai nostri lettori.

    Nel contempo cronisticamente risaltano i numeri, le azioni, i gesti e le parole che hanno contraddistinto il primo giorno della “nuova vita” di Emanuele Di Caterino: 12 mila persone, tra studenti e cittadini di Casapesenna, Aversa, San Cipriano scesi in piazza; le rose donate alla famiglia dal commissario prefettizio di San Cipriano; il servizio d’ordine predisposto dalle forze di polizia e dalla prefettura; la vicinanza dei sacerdoti alla famiglia Di Caterino; i messaggi di cordoglio provenienti da tutta la provincia e non solo; i messaggi del vescovo Angelo Spinillo e quello della prefettura…, ma soprattutto il dramma condiviso da tutta la popolazione scesa in piazza.

    Proprio per questi gesti, per le parole proferite, per la vicinanza della Chiesa locale, delle scuole, della società civile e delle istituzioni tutte la mamma di Emanuele ha deciso di ringraziare tutti così:

    “Nel giorno in cui il mio cuore è sceso nel remoto e profondo abisso della solitudine, del vuoto, del ricordo, del dolore più atroce, vissuti nella mia carne di mamma, per la morte del mio piccolo Emanuele; nel giorno in cui tutti voi avete deciso di tenermi compagnia, di starmi vicino, di condividere quel doloroso saluto, ho pensato di dovervi ringraziare tutti, dal primo all’ultimo.

    Ringrazio la mia gente, quella di San Cipriano; ringrazio i carabinieri, i vigili, i poliziotti, il prefetto di Caserta e il commissario prefettizio della mia città per il servizio d’ordine offertomi e per le rose. Sono rimasta commossa della presenza di tanti studenti, soprattutto degli amici di Emanuele. Grazie di aver sostenuto il mio cuore e la mia anima. Un grazie alle istituzioni scolastiche per il loro cordoglio. Un sentito grazie ai sacerdoti e al Vescovo che ci sono stati vicini nelle ore in cui solo Cristo può alleviare il nostro dramma.

    Cosa posso scrivere di più, cosa posso dirvi di più, se non un semplice grazie, sperando e confidando nel vostro amore, ma soprattutto nella Giustizia. Emanuele ora, e ne sono sicura, vuole solo giustizia”.

    Noi di Casertace ringraziamo anche i lettori che hanno seguito questa storia.

     

    PUBBLICATO IL: 12 aprile 2013 ALLE ORE 16:46