Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    GRAZZANISE Via Montevergine allagata come negli anni ’50. Corsi e ricorsi storici…


    Ormai le piene urbane post pioggia non fanno più notizia, sono croniche GRAZZANISE – La settimana scorsa l’ennesimo acquazzone ha allagato via Montevergine. Poca pioggia (di certo non una perturbazione da stagione delle piogge) e la strada si è trasformata in una piccola piscina. Le foto della “piena urbana” sono state postate  subito su Facebook […]

    Ormai le piene urbane post pioggia non fanno più notizia, sono croniche

    GRAZZANISE – La settimana scorsa l’ennesimo acquazzone ha allagato via Montevergine. Poca pioggia (di certo non una perturbazione da stagione delle piogge) e la strada si è trasformata in una piccola piscina.

    Le foto della “piena urbana” sono state postate  subito su Facebook per immortalare e diffondere in rete l’eterno problema ( e aggettivo “eterno” non l’abbiamo scelto a caso, ma andiamo con ordine).

    Avremmo potuto scrivere, giovedì stesso, con immediatezza, il classico articolo di sconforto, eppure, considerata la triste normalità dell’evento, da noi trattato più e più volte, avevamo deciso di pubblicare un bel niente a riguardo.

    Ne scriviamo oggi non perché abbiamo cambiato idea, trattiamo l’argomento adesso semplicemente perché una gentile lettrice nel fine settimana ci ha inviato una foto interessante che ci offre un nuovo punto di vista originale da dove guardare la questione, una prospettiva diciamo storica. Uno scatto, in bianco e nero, proprio di via Montevergine degli anni ’50… allagata. 1950-2013:  circa 63 anni e la storia continua a ripetersi.

    Se Grazzanise non avesse risolto il problema allagamenti ma avrebbe raggiunto ottimi risultati in altri settori… ok, sulla questione si sarebbe potuto fare passo.  Purtroppo, però, clamorosi salti in avanti, logicamente in proporzione al passar degli anni, per esempio in termini di urbanistica (lo abbiamo scritto ieri), di lavoro, di razionalizzazione degli spazi, di servizi, non si sono registrati.

    Dire altro? No.

    Giuseppe Tallino

    PUBBLICATO IL: 10 ottobre 2013 ALLE ORE 14:57