Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    GRAZZANISE L’urbanistica da rattoppare nel centro storico e altrove. E all’incrocio tra via Diaz e via Alberolungo… l’ennesimo incidente


    Introduciamo l’argomento “mobilità stradale”  prendendo spunto dal  piccolo scontro consumatosi ieri a ridosso del monumento di piazza Raimondo GRAZZANISE – L’auto dei vigili urbani di S. Maria la Fossa, ieri, lunedì, è stata coinvolta in un piccolo incidente a Grazzanise, precisamente all’incrocio tra via Albero Lungo e via A.Diaz. Piccola precisazione: quest’articolo non vuole assolutamente […]

    Nella foto il piccolo incidente consumatosi tra via A.Diaz e via Alberolungo

    Introduciamo l’argomento “mobilità stradale”  prendendo spunto dal  piccolo scontro consumatosi ieri a ridosso del monumento di piazza Raimondo

    GRAZZANISE – L’auto dei vigili urbani di S. Maria la Fossa, ieri, lunedì, è stata coinvolta in un piccolo incidente a Grazzanise, precisamente all’incrocio tra via Albero Lungo e via A.Diaz.

    Piccola precisazione: quest’articolo non vuole assolutamente concentrarsi sul sinistro, dato che, eccettuato il coinvolgimento insolito, non ordinario, nello scontro di una macchina della polizia municipale, di incidenti del genere se ne consumano a frotte. Quindi…

    Oggi, invece, prendendo spunto da quel tamponamento, vogliamo evidenziare lo stato non eccessivamente positivo dell’urbanistica, della mobilità stradale locale proprio nella zona dove si è verificato il sinistro e nel contiguo centro storico.

    Non abbiamo né titoli né competenza scientifica per dar vita ad una disamina tecnica del problema ma da semplici pedoni, ciclisti e automobilisti quali siamo possiamo comunque  percepire  le problematiche che queste comuni categorie affrontano, in quei tratti, quotidianamente.

    Per esempio, il monumento in piazza Raimondo è leggermente ingombrante: ostacola la visuale a chi proviene da via E.Lauro e definisce un’ambigua arteria secondaria che collega proprio il proseguimento di via E. Lauro con via Caianiello.

    Altri due elementi che consideriamo scomodi per veicoli e passanti: la densità di traffico che si canalizza in via E.Diaz e l’allacciamento tra via Montevergine e via Enrico Lauro che, vagliato lo stazionamento borderline di molti ragazzi tra carreggiata e marciapiedi e i parcheggi estemporanei, diventa, soprattutto nel week-end difficilmente percorribile.

    Potremmo continuare la lista abbandonando il centro storico e dedicandoci alle tante traverse parallele che per sicurezza, preso atto della loro non ampiezza, potrebbero essere rese, con alternanza, a senso unico.

    Sarebbe possibile proseguire l’elenco affrontando la questione del cosiddetto “quadrato”,  percorso locale ad altissima frequenza, non troppo comodo da percorre che potrebbe essere facilitato rendendo le strade che lo compongono, e cioè via Montevergine, via Annunciata, via Tre Grazie e Via E.Lauro tutte ad un unico senso di marcia. Un’operazione del genere avrebbe lo scopo di inculcare nei cittadini l’idea di dover camminare più a piedi e meno con le auto.

    Ad ogni modo, queste, precisiamo, sono idee, anzi spunti, che, anche da un punto di vista commerciale hanno i loro pro e i loro contro, quindi modificabili, discutibili. Le abbiamo scritto semplicemente per sollecitare una discussione in merito alla questione urbanistica.

    E’ vero, non c’è, ora, in municipio un’amministrazione eletta dal popolo. Al momento, Grazzanise, dopo lo scioglimento, è gestita da una triade commissariale. In situazioni del genere, questa è una nostra opinione, non riteniamo troppo opportuno che i cittadini pretendano dai commissari la risoluzione di problematiche che per anni i consigli eletti democraticamente non hanno affrontato totalmente e con decisione. Ma, visto che ci siamo, considerata l’emergenza, almeno sarebbe opportuno iniziare non dico a presentare progetti risolutivi, ma almeno a intavolare la questione parlandone ufficialmente.

    Giuseppe Tallino

     

    PUBBLICATO IL: 8 ottobre 2013 ALLE ORE 12:01