Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    GRAZZANISE Circola senza assicurazione esposta: autocompattatore dei rifiuti multato dalla Stradale di CAPUA. Intanto gli operai fremono per lo stipendio di maggio


      Oggi, lunedì, alle 13 circa la Polizia Stradale ad un posto di blocco ha controllato il mezzo della ditta che gestisce la rimozione dei  rifiuti in paese. GRAZZANISE - Nei piccoli centri basta poco, ma veramente poco, per suscitare ossessiva curiosità nei cittadini, così, anche la Polizia Stradale che ferma ad un posto di […]

    Nella foto gli uomini della Polizia Stradale che multa l’autocompattatore

     

    Oggi, lunedì, alle 13 circa la Polizia Stradale ad un posto di blocco ha controllato il mezzo della ditta che gestisce la rimozione dei  rifiuti in paese.

    GRAZZANISE - Nei piccoli centri basta poco, ma veramente poco, per suscitare ossessiva curiosità nei cittadini, così, anche la Polizia Stradale che ferma ad un posto di blocco un autocompattatore fa notizia.

    Erano circa le 13 quando, appunto, gli agenti della Stradale di Capua hanno controllato il mezzo della ditta che si è aggiudicata l’appalto per la rimozione dei rifiuti  in questi mesi profondamente confusi.

    Il veicolo controllato, però, non aveva a bordo né il libretto originale, ma una fotocopia, né l’assicurazione esposta. Inizialmente si è temuto persino che il mezzo fosse completamente sprovvisto di polizza. Poi, però, fatti gli altri accertamenti, si è capito che si trattava solo di una dimenticanza, dimenticanza che dovrebbe costare alla ditta circa 100 euro di multa. Aspetto comico della vicenda: la multa potrebbe essere pagata persino dal conducente del mezzo se la società non provvederà lei stessa a pagare.

    In realtà quel mezzo è stato usato per rimpiazzare l’altro veicolo della ditta, che di solito si occupa della raccolta, rotto e mandato in riparazione. Quindi, la sua uscita, diciamo il suo utilizzo, non era in programma  e, forse, per questo, si è incappato nella dimenticanza di munirlo dei documenti necessari per la circolazione.

    Oltre questa vicenda  ce ne è un’altra che sta a cuore per gli operatori, la questione pagamenti. Al momento la ditta ha erogato solo i 7 giorni di prestazioni fatti dagli ex lavoratori del Cub ad aprile. Il 15 avrebbero dovuto ricevere la mensilità di maggio, ma, diciamo, era sabato. I lavoratori, che “avanzano” dal Consorzio ancora 4 stipendi, sperano, adesso, che la questione si risolva nel più breve tempo possibile.

    PUBBLICATO IL: 17 giugno 2013 ALLE ORE 21:21