Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    FINALMENTE… LA REGGIA – La Petrenga ora può dire la verità: vi racconto i due mesi di colloqui ed incontri con questo straordinario ministro


        Mentre proseguiva la serie dei contatti istituzionali, l’asse tra Bray e l’unica persona che aveva competenze specifiche per interloquire con il ministro, nel fargli capire come stessero veramente le cose, faceva passi da gigante fino al trionfale decreto di oggi. “Non è merito mio, ma di questo ministro serio e bravissimo”.  CASERTA - […]

    Nelle foto, il ministro Bray e Giovanna Petrenga

     

     

    Mentre proseguiva la serie dei contatti istituzionali, l’asse tra Bray e l’unica persona che aveva competenze specifiche per interloquire con il ministro, nel fargli capire come stessero veramente le cose, faceva passi da gigante fino al trionfale decreto di oggi. “Non è merito mio, ma di questo ministro serio e bravissimo”. 

    CASERTA - E’ un po’ dispiaciuta, perchè ha dovuto dire qualche bugia, ma è chiaro che se è proprio in politica la bugia è una tara che rovina il rapporto tra eletto ed elettore, mai come in questo caso una bugia a fin di bene è servita a portare a casa un risultato storico.

    Giovanna Petrenga è stata la prima, anzi l’unica vera interlocutrice del ministro Bray. Primo perchè è l’unica casertana presente nella commissione beni culturali della Camera dei Deputati, secondo perchè è l’unica parlamentare che per cultura, professione, per gli anni vissuti da Sovrintendente della Reggia, era l’unica a capire veramente di cosa si stesse parlando.

    Oggi pomeriggio, venerdì, dopo l’ultimo depistaggio mattutino sulle motivazioni della riunione da svolgere domani a Caserta, ha potuto finalmente dire tutta la verità e raccontare come sono andate le cose ai microfoni di Rai Parlamento.

    Io non ho alcun merito – si schernisce la Petrenga – la verità è che ho trovato un interlocutore straordinariamente competente e straordinariamente sensibile nel ministro Bray, che il giorno dopo la sua visita in incognito alla Reggia, ha chiesto di parlarmi e mi ha confidato l’amarezza per le cose che aveva visto. Da quel momento ho capito che si trattava di una persona concreta, decisa e determinata. 

    In questi mesi – continua la Petrenga – ci siamo visti più volte e oggi questo ministro ha dimostrato con i fatti che certi obiettivi si possono raggiungere quando la causa è così nobile.

    Ora – conclude, soddisfatta Giovanna Petrenga –  la Reggia di Caserta potrà finalmente avere a disposizione le risorse che le sono necessarie per risplendere come uno tra i più bei monumenti del pianeta”.

    La Petrenga, spedita in missione dalla commissione cultura della Camera, sarà domani sabato al fianco del ministro Bray, nella sua visita a Caserta.

    Missione compiuta. Scrivere per una volta che un parlamentare casertano è riuscito a portare a casa un risultato utile per lo sviluppo di questo territorio è tanto raro, quanto gratificante.

    Gianluigi Guarino

     

    PUBBLICATO IL: 2 agosto 2013 ALLE ORE 19:04