Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA S. MARIA C.V. – Per la strada illegale dietro a Capitelli motors, all’impresa sono stati trattenuti 11mila euro su 1.300.000. UNA BARZELLETTA!!!


      Stiamo provando a scavare ulteriormente in una storia autenticamente inquietante, in cui potrebbero saltare fuori significative responsabilità penali   SANTA MARIA CAPUA VETERE - Niente. Non si muove nulla. Ma noi siamo cocciuti e rilanciamo la notizia, mettendoci dentro un particolare in più, una nuova informazione che la dice lunga su quanto certi argomenti, […]

     

    Nella foto, ingresso via Galatina

    Stiamo provando a scavare ulteriormente in una storia autenticamente inquietante, in cui potrebbero saltare fuori significative responsabilità penali

     

    SANTA MARIA CAPUA VETERE - Niente. Non si muove nulla. Ma noi siamo cocciuti e rilanciamo la notizia, mettendoci dentro un particolare in più, una nuova informazione che la dice lunga su quanto certi argomenti, dentro al comune di Santa Maria Capua Vetere, in questo tempo, ma anche nei 15 anni precedenti è stato tenuto in considerazione il tema della trasparenza dei procedimenti amministrativi.

    Ritorniamo di nuovo a scrivere della strada che collega via Consiglio d’Europa a partire dalla zona antistante a Capitelli Motors, con sbocco in via Galatina al fianco dei nuovi centri commerciali associati all’area dell’ex tabacchificio.

    Che questa strada non sia stata collaudata mai, l’abbiamo già scritto; che questa strada nonostante questo, sia aperta, scelleratamente, al traffico veicolare l’abbiamo scritto ugualmente; che, addirittura, l’impresa che ha compiuto i lavori sia stata, nonostante non esista il collaudo, pagata profumatamente, dato che l’importo dei lavori fu di quasi 1 milione e 300mila euro, pure lo abbiamo comunicato ai nostri lettori.

    Manca un piccolo particolare, che sembra piccolo, ma piccolo non è, a pensarci bene: il comune di Santa Maria Capua Vetere si è trattenuto una cifra del corrispettivo dovuto all’impresa costruttrice, legando l’atto alla necessità di compensare delle carenze che si sono verificate. Sapete di quanto è questa cifra: circa 11mila euro, dunque lo 0,8% dell’importo dei lavori.

    Non c’è che dire: questa vicenda ci intriga sempre di più. Noi andiamo avanti.

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 16 dicembre 2013 ALLE ORE 15:52