Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA S.MARIA C.V – Carte alla mano. Ecco perché l’autorizzazione per la pompa di Giovanni Cosentino deve essere revocata. E ora, Di Tommaso, per una volta, tiri fuori gli attributi


    Nei prossimi giorni vi pubblicheremo anche il testo integrale del regolamento del 1999 approvato dal consiglio comunale e che impedisce insediamenti di questo tipo in aree come quella per cui Franco Biondi ha dato il placet. Non solo, ma ci sono vistosi motivi ostativi, legati al codice della strada. IN CALCE ALL’ARTICOLO LA RICHIESTA DI […]

    Nella foto, l’area dove dovrebbe sorgere il distributore di benzina di Giovanni Cosentino

    Nei prossimi giorni vi pubblicheremo anche il testo integrale del regolamento del 1999 approvato dal consiglio comunale e che impedisce insediamenti di questo tipo in aree come quella per cui Franco Biondi ha dato il placet. Non solo, ma ci sono vistosi motivi ostativi, legati al codice della strada. IN CALCE ALL’ARTICOLO LA RICHIESTA DI REVOCA DELL’AUTORIZZAZIONE IN AUTOTUTELA FIRMATA DA GAETANO RAUSO

    S.MARIA C.V – Il consigliere comunale di opposizione Gaetano Rauso, interviene ufficialmente sulla vicenda del rilascio della inopportuna e, sembra anche irregolare, autorizzazione  del distributore del fratello dell’ex sottosegretario PDL Nicola Cosentino.

    Gaetano Rauso, invece di dedicarsi ai bagni e alle distrazioni estive cui invece si stanno applicando seriamente i suoi colleghi di opposizione , si è dedicato in questi giorni allo studio dei regolamenti comunali della città del Foro in riferimento al rilascio dell’autorizzazione del distributore di benzina di Giovanni Cosentino in via Galatina . Autorizzazione  che reca la firma dell’ing. Franco  Biondi, che , in fretta e furia , si è preoccupato di far in modo di sistemare questa vicenda proprio prima che non gli venisse più prorogato l’incarico dirigenziale , part time , presso il comune di S. Maria C.V. .

    L’ingegnere , evidentemente si è premurato di accontentare i suoi sponsor , forse proprio in vista di un appoggio bipartisan ad un suo ritorno a settembre nella città del Foro . Ritorno che a noi risulta ancora inspiegabile se non legato ad un’ assoluzione piena per la vicenda giudiziaria che lo vede condannato in primo grado insieme al costruttore Sarpi, o ad non luogo a procedere ulteriormente per intervenuta prescrizione della stessa vicenda, ed in questo ultimo caso, gli amministratori sammaritani, scientemente deciderebbero di scegliersi un tecnico non certo mondo dalle accuse provate  e accertate dai giudici del Tribunale di S. Maria C.V.

    Gaetano Rauso è fermamente convinto della irregolarità di quell’autorizzazione tanto da richiederne l’annullamento in autotutela all’attuale dirigente dell’UTC , ing. Di Tommaso per una serie di motivi tecnici .

    In base ad un regolamento Comunale approvato nel 1999, sembra che non possano essere allocate pompe di benzina in aree con destinazione urbanistica simile a quella in cui invece è stata autorizzato il distributore dei Cosentino. Inoltre, al di là dei regolamenti comunali , che pure non possono essere di certo tralasciati e dimenticati nei cassetti delle scrivanie dei tecnici, osterebbe alla costruzione di questa pompa di benzina anche il codice della strada, che  stabilisce, tra l’altro che, alla pari dei passi carrabili, i distributori di benzina non possano essere allocati a meno  di 12 metri dalle intersezioni e non in prossimità quindi di curve. Nel nostro caso quindi queste condizioni ostative, invece,  si verificano, come si può vedere anche dalla fotografia che pubblichiamo in alto:  il distributore, infatti, verrebbe eretto proprio in curva e ad un incrocio .

    Questi quindi i dati tecnici che fanno richiedere all’Ufficio Tecnico di intervenire prontamente ad annullare un atto totalmente illegittimo . L’ing. Di Tommaso ha la possibilità quindi di dimostrare se proviene da una scuola di pensiero diversa dai seguaci di Mazzotti , rispondendo prontamente alla richiesta di annullamento in autotutela presentata da Gaetano Rauso senza tentare di astenersi in attesa dell ‘atteso ritorno di chi ha invece già ampiamente dimostrato  di essere pedissequo discepolo di quella dottrina e scuola che da S. Maria C.V. si è propagata in tutta la provincia .  

    G.G.

    QUI SOTTO IL DOCUMENTO DI GAETANO RAUSO 

    Al sig. Sindaco

    Arch. Biagio Maria Di Muro

    Al Segretario Generale

    Dr. Assunto De Nisi

    Al Dirigente U.T.C. Urbanistica- ing. Roberto  Di Tommaso

    della Città di  S. Maria Capua Vetere

    p.c. Al sig. Prefetto di Caserta

    Alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di S.Maria C.V.

    Al Comando della Compagnia dei Carabinieri di S.Maria Capua Vetere

    Al Comando Provinciale della G.d.F. -Via G.B. Vico – Caserta

    Oggetto: Permesso a costruire n. 89  del  28.6.2013, rilasciato alla IP Service s.r.l.

    Richiesta annullamento in autotutela e copia atti.

    Il sottoscritto consigliere comunale Gaetano Rauso,  per l’esercizio delle funzioni inerenti la carica elettiva che ricopre, visto che :

    1. da qualche tempo sono iniziati i lavori per la realizzazione di un impianto di distribuzione di carburanti  in via dei Romani;

    2. tale permesso a costruire è stato rilasciato dall’ing. Biondi Francesco, in contrasto con la normativa e dei regolamenti comunali vigenti  in  materia di dislocazione degli impianti di distribuzione di carburante;  per la tutela del paesaggio, dei beni culturali ed archeologici e del Codice della Strada:

    Vedi

    1. Art.4(zona 1) del .Regolamento comunale adottato con delibera n.84 del 7.12.1999 (realizzazione del sistema di distribuzione di carburanti. Zonizzazione) adottato con le prerogative dettate dal d.lgs. n. 112/98 ed in osservanza di quanto contenuto nell’art. 1 del d.lgs. n.346/99 (TITOLO 1, CAPO 3, art.6 dei criteri, requisiti e caratteristiche delle aree sulle quali possono essere essere installati gli impianti);

    2. L.R. n.6 del 29.3.2006 e succ. Regolamento di attuazione n.1 del 20.1.20012;

    3. D.L. 1444/68, art.2 lett.A;

    4. Codice della Strada.

    C H I E D E

    che ai sensi della Legge 241/90 e s.m.i., del d.lgs. n.267/2000  e s.m.i. e della Legge 190/2012 e s.mi. :

    1.venga annullato, in autotutela, il permesso a costruire n. n. 89  del  28.6.2013, rilasciato alla IP Service srl dall’Ing. Francesco Biondi in dispregio delle  normative e dei regolamenti sopra citati;

    2. gli venga rilasciata copia integrale del fascicolo inerente il citato permesso a costruire ed, in particolar modo, il parere di competenza rilasciato dal locale comando della Polizia Municipale.

    In attesa di immediato riscontro porgo cordiali saluti.

    In mancanza saranno attivate le procedure previste dall’art.328 del C.P. in materia di mancato rilascio di atti.

    S. Maria C. V. , li 19.8.2013

    Il Consigliere Comunale

    Gaetano Rauso

    Nella foto Di Tommaso e Rauso

    PUBBLICATO IL: 18 agosto 2013 ALLE ORE 13:33