Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA MONNEZZA INFUOCATA, Peppe Zampella sospende 5 netturbini. Rivolta degli altri 80. Rissa sfiorata


      Notte tesissima per gli stipendi non ancora pagati. Gli operatori hanno minacciato di incrociare le braccia e a quel punto il provvedimento è stato ritirato. Una promessa da Roma: stipendi pagati entro domani. Stato di agitazione Fiadel. Silenzio vergognoso di Cgil e Cisl, mentre Vallarelli e Ferraro scorazzano nei Suv dell’azienda.   CASERTA – Notte […]

     

    Nelle foto, da sinistra, Angelo Ferraro, Giuseppe Zampella e Sirio Vallarelli

    Notte tesissima per gli stipendi non ancora pagati. Gli operatori hanno minacciato di incrociare le braccia e a quel punto il provvedimento è stato ritirato. Una promessa da Roma: stipendi pagati entro domani. Stato di agitazione Fiadel. Silenzio vergognoso di Cgil e Cisl, mentre Vallarelli e Ferraro scorazzano nei Suv dell’azienda.

     

    CASERTA – Notte ad altissima tensione tra gli operatori ecologici di Ecocar, azienda titolare del servizio di raccolta dei rifiuti nella città di Caserta. Stipendi ancora non pagati e molte rimostranze.

    Pare che 5 di questi operatori abbiano detto chiaro e tondo di non voler lavorare se in giornata non vi fosse stato pagato lo stipendio. Il dirigente Giuseppe Zampella ha emesso, secondo accreditate fonti sindacali un provvedimento disciplinare di sospensione per i 5. Un atto che ha provocato la reazione dei compagni di lavoro. In 80 hanno minacciato ieri sera, mercoledì, di incrociale le braccia, privando la città della raccolta. Concitate trattative negli uffici Ecocar dell’ex Saint Gobain e provvedimento disciplinare revocato.

    Stamattina raccolta regolare con la promessa, arrivata da Roma dal patron Diodati: gli stipendi dovrebbero essere pagati entro la giornata di domani.

    Nella foto, Elpidio Martucci

    Una promessa che non ha indotto il sindacato Fiadel, che fa riferimento ad Elpidio Martucci a dichiarare lo stato di agitazione. Silenzio assoluto da parte delle altre sigle, Cgil e Cisl che hanno dimostrato, anche in questa circostanza quale sia il livello di consociazione e di inciucio con vertici aziendali.

    La protesta di Fiadel è legata anche alla riduzione dei ticket di indennità ai lavoratori. Questo accade contemporaneamente al roboante acquisto di una serie di auto extralux, Nissan Qashqai su cui viaggiano comodamente i vari Vallarelli ed Enzo Ferraro, gente che guadagna 10mila euro al mese e che tiene in piedi un incredibile conflitto di interessi, in considerazione del ruolo apicale che Ferraro svolge nell’amministrazione comunale.

    Auto per i dirigenti, ma si parla insistentemente di altre auto acquistate, mentre i lavoratori sono privati dello stipendio.

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 23 maggio 2013 ALLE ORE 10:19