Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA MONDRAGONE – Si dimette Mario Fusco, era già d’accordo per la staffetta con Carmine Del Prete


        Prima di lasciare l’incarico il consigliere di Io Amo Mondragone sta lavorando ad un progetto per risolvere il caso dell’immigrazione in città. Lo stesso verrà presentato in Consiglio mediante una nuova mozione. ECCO I DETTAGLI   MONDRAGONE - ” Le mie dimissioni da consigliere comunale della lista Io Amo Mondragone erano state già […]

     

     

    Nelle foto, da sinistra, Mario Fusco e Carmine Del Prete

    Prima di lasciare l’incarico il consigliere di Io Amo Mondragone sta lavorando ad un progetto per risolvere il caso dell’immigrazione in città. Lo stesso verrà presentato in Consiglio mediante una nuova mozione. ECCO I DETTAGLI

     

    MONDRAGONE -Le mie dimissioni da consigliere comunale della lista Io Amo Mondragone erano state già programmate in seno al movimento sin dai tempi della mia candidatura a sindaco, al fine di consentire anche agli altri candidati in lista di poter accedere in Assise e dare il loro contributo politico. Una sorta di staffetta, quindi“.

    Sono le dichiarazioni del consigliere dimissionario Mario Fusco rilasciate a Casertace, nelle quali ha annunciato la decisione di voler lasciare l’incarico e dare la possibilità al professore Carmine Del Prete, ex assessore della giunta Zannini, e primo dei non eletti, di entrare nella pubblica assemblea. Lo stesso consigliere Fusco ha precisato, poi, che fra un anno anche Del Prete si dimetterà per consentire un successivo ingresso ai vari aspiranti consiglieri.

    Quindi non si tratta di nessun terremoto politico o quant’altro. Il tutto alla vigilia della conferenza dei capigruppo del Consiglio comunale che si terrà domani, venerdì, al fine di convocare il nuovo civico consesso.

    Nel contempo, in queste ore, lo stesso Fusco ha deciso di elaborare una nuova mozione consiliare sul caso Bulgari e immigrazione a Mondragone.

    Intendo portare in Consiglio un vero e proprio progetto politico teso all’istituzione di una task force tra istituzioni, associazioni e forze di polizia locali, mediante il quale tentare di risolvere quelle questioni sociali che a Mondragone rischiano di incrementare tensioni e potenziali crimini. Occorre istituire una consulta per gli immigrati e coinvolgere anche l’Ambito C9 con progetti seri, senza tener conto delle proprie appartenenze politiche o di lotte tra Guelfi e Ghibellini.

    Infine – sostiene il referente di Io Amo Mondragone – occorre rilanciare una mediazione con le comunità degli stranieri, cominciando a mettere in cantiere un programma rivolto alla conoscenza delle loro esigenze, quelle dei commercianti, quelle dei mondragonesi per giungere ad una pacifica convivenza e al rispetto reciproco delle regole“.

    In prospettiva c’è anche un censimento degli immigrati?

    Bisognerebbe capire quanti sono e come vivono, nonchè se appartengono ad una sola etnia, come quella bulgara o vivono in commistione extracomunitari di varie nazionalità“.

    Massimiliano Ive

     

    PUBBLICATO IL: 6 giugno 2013 ALLE ORE 13:53