Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA MADDALONI – Clamoroso! I commissari liquidatori scrivono al sindaco e alla Corte dei Conti: la delibera “ammazza IAP” è un colpo di spugna pro evasori, va immediatamente azzerata


      Non era stato difficile prevedere da parte nostra che un po di esperienza in materia l’abbiamo maturata, che i commissari del dissesto non avrebbero mai potuto accettare il ben servito all’azienda concessionaria del servizio di riscossione, con un sistema che sa tanto di regalone fatto ai tanti evasori fiscali vip della città. MADDALONI - […]

     

    Nella foto, Rosa De Lucia e Gaetano Esposito

    Non era stato difficile prevedere da parte nostra che un po di esperienza in materia l’abbiamo maturata, che i commissari del dissesto non avrebbero mai potuto accettare il ben servito all’azienda concessionaria del servizio di riscossione, con un sistema che sa tanto di regalone fatto ai tanti evasori fiscali vip della città.

    MADDALONI -  Ci permettiamo di confezionare un giudizio perché il fatto è talmente serio per le sorti di una città importante, quale resta Maddaloni, nonostante i suoi molti guai e nonostante la totale inconsistenza della sua classe dirigente.

    Un fatto tanto serio da non determinare alcun dubbio sulla natura del giudizio che vogliamo esprimere. Politico, politico fino al midollo, nella accezione più pura di questo termine. Il sindaco Rosa De Lucia è politicamente e istituzionalmente un’irresponsabile. Questo è il giudizio.

    Padronissima di andare dritta per la sua strada anche se questa conduce al precipizio, di fronte agli articoli, alle valutazioni, alle analisi che CasertaCe ha espresso nelle scorse settimane e nei giorni scorsi, sulla incredibile vicenda dell’operazione di siluramento della IAP che cela, tra l’altro fino a un certo punto, perché il gioco sembra, ormai, scoperto, la volontà di infliggere al dovere civile alla buona creanza e alla buona gestione un vero e proprio colpo di spugna rispetto all’imbarazzante e diffusissima evasione fiscale, che ha permesso a imprenditori come Giuseppe Barletta, di accumulare, con l’etichetta dell’Interporto Sud Europa un debito Tarsu di svariati milioni di euro.

    Non è più padronissima, invece di schiantare se stessa e la sua città contro gli scogli del disastro economico e del disonore civile, il sindaco De Lucia, quando a mettere nero su bianco l’assurdità della delibera votata dal consiglio comunale, che ha approvato, anche grazie al patto scellerato tra il sindaco forzista e il Pd, il famoso ordine del giorno del colpo di spugna, non è più solo CasertaCe, ma è la commissione liquidatrice, la quale non scrive solo al segretario generale del comune, ingiungendo, in pratica una immediata marcia indietro, ma segnala, già da ora, la questione alla Corte dei Conti, esponendo ad un rischio gravissimo  quei consiglieri comunali che quella delibera hanno votato.

    Si ha la sensazione che il sindaco De Lucia viva in una dimensione trasognata e sognante e non abbia capito cosa sia veramente un dissesto finanziario e quali siano gli effetti gravissimi che questo determina a carico della città che lo subisce.

    In tanti anni di questo lavoro non abbiamo mai assistito a un atto sconcertante, sconsiderato, istituzionalmente folle come quello realizzato dal consiglio comunale di Maddaloni che taglia con la cesoia il rapporto con la concessionaria titolare del servizio di riscossione dei tributi proprio nel bel mezzo di un dissesto che vive solo le fasi iniziali, e che non ha ancora definito formalmente la massa debitoria su cui la commissione liquidatrice dovrà lavorare.

    Sorprende il livello di resistenza e di cristiana pazienza del segretario comunale Maria Carmina Cotugno che, di fronte alla lettera, vergata dai commissari liquidatori, dovrebbe chiedere, senza mezzi termini che il consiglio torni a riunirsi per votare un atto amministrativo riparatorio di quello precedente. Di fronte a un diniego cieco e irresponsabile, opposto, eventualmente dal sindaco,la Cotugno dovrebbe andare via, perché non può diventare corresponsabile di un disastro annunciato.

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 4 febbraio 2014 ALLE ORE 18:29