Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA, IL PORTO DEI COPPOLA – I fulmini di Scocca. “La Darsena va riaperta o vi denuncio”. Ma se parte il cantiere dello scalo marittimo, lo specchio d’acqua non sarà riaperto


      Il mondo politico locale è in fermento. A giorni forse l’avvio del cantiere per lo scalo portuale… Diventa caldo il dibattito politico sugli scarichi nella Darsena San Bartolomeo. Ma Scocca non sa che…. di Massimiliano Ive   CASTEL VOLTURNO – Il porto di Pinetamare, pardon la Darsena San Bartolomeo negli ultimi giorni sta diventando […]

    Nella foto, Ciro Scocca sulla Darsena San Bartolomeo

     

    Il mondo politico locale è in fermento. A giorni forse l’avvio del cantiere per lo scalo portuale… Diventa caldo il dibattito politico sugli scarichi nella Darsena San Bartolomeo. Ma Scocca non sa che….

    di Massimiliano Ive

     

    CASTEL VOLTURNO – Il porto di Pinetamare, pardon la Darsena San Bartolomeo negli ultimi giorni sta diventando un tormentone politico, forse perchè ormai con la validazione delle analisi e della caratterizzazione degli arenili da parte dell’Arpac, nel suddetto scalo portuale non sussistono più problemi per la messa in cantiere dell’opera da parte della Mirabella.

    Nel contempo torna a tuonare il presidente dell’Associazione Res Castel Volturno, Ciro Scocca che mediante una nota stampa ha rilanciato: “La Darsena e la Foce attualmente chiusa, rappresentano un rischio ambientale e per la salute dei cittadini inaccettabile, come riteniamo inaccettabile la gestione ambigua della “cosa pubblica” come le acque, la sabbia, i reflui di scarico fognario….”.

    Scocca e i suoi si riferiscono alla nota vicenda per la quale la triade commissariale ha emesso un’ordinanza di divieto di scarico nella darsena, nonchè la rimozione di tutti i problemi derivanti dall’impianto di sollevamento delle acque reflue di Pinetamare. L’ex vendoliano, comunque, in attesa di ulteriori sviluppi su tale vicenda effettua un altro attacco alla parte privata che dovrebbe realizzare il porto e mettere in sicurezza lo scalo: “Pertanto le Società che gestiscono la Darsena, il sistema fognario si assumessero le proprie responsabilità, la Darsena deve aprire e subito! Diversamente l’ Associazione RES sarà pronta ad agire con tutti i mezzi legali e democratici per denunciare a tutti i livelli e in tutta Italia lo stato delle cose. Castel Volturno, i pescatori, i commercianti, cittadini tutti iniziando dalle madri di famiglia che ogni giorno si spezzano la schiena per tentare di arrivare a fine mese, meritano rispetto e a nessuno è concesso di far finta che vada tutto bene e rimandare l’irrimandabile con la carta bollata”.

    Al di là della presa di posizione assunta da Scocca va precisato, comunque, per dovere di cronaca e forse questo l’associazione Res Castel Volturno non lo sa, che fra qualche giorno dovrebbe andare in porto, scusateci il gioco di parole, anche la partenza del cantiere dello scalo portuale e nel contempo noi di Casertace abbiamo appreso, attraverso fonti molto vicine alla Mirabella, che il porto di Pinetamare e la Darsena con l’avvio del cantiere non potranno essere riaperti al traffico delle imbarcazioni per motivi di sicurezza, nemmeno se i privati e gli enti preposti realizzassero gli interventi sullo specchio d’acqua richiesti in commissione regionale dal consigliere regionale Angelo Consoli.

    Purtroppo per Pinetamare, occorrerà attendere ancora un po’ di tempo per vedere riaperta la Darsena.

     

    PUBBLICATO IL: 9 gennaio 2014 ALLE ORE 16:25