Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Agg.11.27 ESCLUSIVA Follia al Consorzio rifiuti. Invece di pagare gli stipendi ai dipendenti allo stremo, prestati 400 mila euro alla Sapna. E Di Domenico si arrabbia


    Alcuni dei nostri 400 amici che, senza stipendio da 6 mesi si aggrappano a Casertace per difendere i propri diritti vilipesi ci ha comunicato l’umore del commissario liquidatore. Stiamo tremando. Agg.11.27 – Pare che il ragioniere Di Domenico non l’abbia presa proprio bene stamattina, lunedì. Ha letto l’articolo e non gli è piaciuto, annunciando, naturalmente […]

    Nella foto Di Domenico, Farina Briamonte e Angeloni della Sapna

    Alcuni dei nostri 400 amici che, senza stipendio da 6 mesi si aggrappano a Casertace per difendere i propri diritti vilipesi ci ha comunicato l’umore del commissario liquidatore. Stiamo tremando.

    Agg.11.27 – Pare che il ragioniere Di Domenico non l’abbia presa proprio bene stamattina, lunedì. Ha letto l’articolo e non gli è piaciuto, annunciando, naturalmente la solita querela. Dovrebbe essere l’Italia intera a querelare questa presunta classe dirigente che ha distrutto con la sua incapacità professionale, il tessuto di una finanza pubblica, che per anni, anni ed anni ha nutrito rendite improduttive e totalmente parassitarie, come quelle dei vari consorzi dei rifiuti.

    Non ci sembra che il ragioniere Di Domenico e Farina Briamonte abbiano rappresentato una novità rispetto al passato, come dimostra questa vicenda dei 400mila euro, prestati alla Sapna. Se il ragionier Di Domenico vuole fare la querela e vuole confrontarsi in un’aula di tribunale, punto per punto, ascoltando i 200, 300 testimoni a discarico che citeremo noi di Casertace, si accomodi pure, noi non ci facciamo intimidire, da chi vuole chiudere la bocca alla stampa indipendente per continuare a tenere in piedi i maneggi clientelari di una politica che ha distrutto il Sud, la Campania e la Provincia di Caserta.

    G.G.

    CASERTA - Non ci sono più parole e, forse, in questo caso, è meglio scrivere la notizia, perché tutto quello che c’è stato da dire sulla gestione del Cub è stato detto e scritto. Ogni stagione è stata peggiore delle altre. E questa con i cosiddetti commissari liquidatori è stata la peggiore di tutte.

    Sentite la novità di oggi: invece di pagare gli stipendi ai dipendenti, la coppia Di Domenico-Farina Briamonte, dopo aver litigato per mesi, ultimamente pare che vada d’amore e d’accordo, ha prestato, si, ha prestato, 400 mila euro alla Sapna che sarebbe l’omologa napoletana della Gisec, la società ad intero capitale nelle mani dell’amministrazione provinciale di Caserta che da noi gestisce gli impianti dello smaltimento di rifiuti.

    Una cosa assurda. Con i dipendenti che sono in credito di quattro, cinque mensilità, questo consorzio straccione, presta i soldi ad un altro carrozzone, una roba veramente ingredibile.

    Ora si aspetta che la somma venga restituita per pagare qualche stipendio.

    I soldi in questione sono quelli che il consorzio rifiuti ha incassato in questi ultimi tempi dai comuni debitori. Questa vicenda va approfondita e non può passare sotto silenzio.

    Questi due, il ragioniere Di Domenico e Farina Briamonte beccano setto, otto mila euro al mese. Ora non se ne può più sul serio.

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 16 settembre 2013 ALLE ORE 11:20