Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA CON FOTO – Migliaia di disabili casertani senza assistenza, Gennaro Oliviero si incatena nell’aula del Consiglio Regionale


    Finalmente c’è qualcuno che affianca Casertace in questa battaglia di civiltà. Regione matrigna: butta via milioni e milioni di euro nella Sanità per gli stipendi d’oro dei dirigenti Asl e ospedalieri, per assunzioni clientelari con l’escamotage delle aziende interinali e riduce alla disperazione un numero enorme di famiglie che vivono il dramma sconosciuto e silenzioso […]

    Nella foto, da sinistra, Gennaro Oliviero occupa incatenandosi la sala consiliare della Regione Campania

    Finalmente c’è qualcuno che affianca Casertace in questa battaglia di civiltà. Regione matrigna: butta via milioni e milioni di euro nella Sanità per gli stipendi d’oro dei dirigenti Asl e ospedalieri, per assunzioni clientelari con l’escamotage delle aziende interinali e riduce alla disperazione un numero enorme di famiglie che vivono il dramma sconosciuto e silenzioso della disabilità di un proprio congiunto. IN CALCE ALL’ARTICOLO IL COMUNICATO DI GENNARO OLIVIERO

    NAPOLI – Se consultassimo, a mo’ dell’oracolo di Delfi la nostra casella di posta elettronica, concluderemmo che Gennaro Oliviero, consigliere regionale di opposizione del partito socialista, è uno dei pochissimi, anzi è l’unico consigliere regionale, eletto in provincia di Caserta, quanto meno a tentarci ad assolvere la funzione a cui il popolo sovrano di questa terra lo ha delegato. I suoi interventi, infatti riguardano sempre questioni di sicuro significato, attinenti e condizionanti la vita dei cittadini, dei consumatori, delle famiglie. Molte delle sue prese di posizione rimangono lettera morta, ma questo non è ascrivibile a una sua specifica responsabilità dato che Gennaro Oliviero è pur sempre un consigliere di opposizione. Quello effettuato stamattina venerdì è un sicuro salto di qualità, che ci induce, senza tema di discussione a togliere la fotografia di Oliviero da quella sorta di muro del pianto da noi pubblicato alcuni giorni fa, quando abbiamo scritto della terribile vicenda che sta travolgendo centinaia, se non addirittura migliaia di famiglie di disabili campani e casertani, letteralmente cancellati senza alcuna misericordia dallo spirito burocratista, freddo, cinico del funzionariato in servizio nella Regione Campania, che, da una parte consente alle Asl e alle aziende ospedaliere di continuare a buttare via milioni di euro in prebende clientelari, in stipendi d’oro di dirigenti incapaci e plurinquisiti dalla Corte dei Conti, in assunzioni surrettiziamente messe in carico a società interinali che, squallidamente, mercanteggiano con le stesse aziende sanitarie ospedaliere che mettono a loro disposizione vagonate di danaro pubblico in cambio di assunzioni clientelari, attraverso cui, come sta capitando ad esempio nell’ospedale di Caserta, con la Tempor si nutre il parassitismo partitocratico, delle stesse oligarchie politiche regionali e la più orrenda e stomachevole pratica sindacatocratica.

    Mentre, come detto, succede tutto questo, quel Morlacco là, cioè il personaggio che l’algido Caldoro ha messo a guardia della Sanità campana, comunica a tutti i centri di riabilitazione e ai laboratori convenzionati, che lui, Morlacco nel gennaio scorso ha scherzato quando ha comunicato ufficialmente a queste strutture che il sistema dei trasferimenti degli importi relativi ai rimborsi sarebbe stato identico a quello adottato per l’anno 2012 e che lui, Morlacco siccome se lo può permettere in quanto dotato di potere assoluti di delega commissariale comunica anche, a partita già iniziata, che le regole sono cambiate e che, dunque, i centri di riabilitazione non potranno utilizzare il sistema dell’osmosi che permette loro di spostare risorse assegnate e ancora non spese sulle aree di assistenza che le risorse le hanno già esaurite.

    Questa porcheria ha portato ad una paralisi di quasi tutti i centri di riabilitazione della provincia di Caserta. E sono tantissimi i disabili gravi abbandonati al loro destino e alla disperata impossibilità delle famiglie di assisterli in maniera efficace.

    Ecco perchè Gennaro Oliviero, il quale, dopo aver tentato invano di convincere Morlacco che gli impegni presi e sanciti si mantengono e non si cambiano in corso d’opera ha deciso di occupare l’aula del Consiglio regionale incatenandosi con il collega Mucciolo, oggi riunito per affrontare questioni che certo non valgono, per importanza e per urgenza quella di cui Casertace si sta occupando e di cui, finalmente almeno un consigliere regionale di questa terra si è fatto carico.

    Gianluigi Guarino

     

    Il muro del Pianto dei consiglieri regionali. Assolto da Casertace Gennaro Oliviero

    QUI SOTTO IL COMUNICATO STAMPA DI GENNARO OLIVIERO

    Il Gruppo del PSE, rispettivamente il capogruppo Gennaro Oliviero e il collega Gennaro Mucciolo, si incatenano all’interno dell’Aula dove oggi è prevista una seduta consiliare, per bloccare i lavori all’ordine del giorno e denunciare, in maniera decisa e forte, il dramma della mancanza di risorse adeguate destinate alla riabilitazione.

    Un gesto soprattutto verso tutti quei bambini diversamente abili che, nei fatti, si trovano sospesi nel loro trattamento terapeutico.

    “Trovo assurdo il silenzio delle Istituzioni rispetto al dramma in cui oggi sono chiamati a vivere numerosi bambini diversamente abili ai quali sono stati sospesi  i trattamenti terapeutici.

    L’insensibilità dinanzi al dolore soprattutto delle famiglie deve far riflettere tutti, oggi denunciamo nuovamente un’ ulteriore inadempienza della Giunta Regionale e del centrodestra campano.

    Si sblocchino le risorse per garantire questi ultimi tre mesi e si avvii, da subito, una rimodulazione dell’intero sistema tariffario il quale è stato oggetto di tagli illogici e indiscriminati: la crisi non deve pesare sulle nostre popolazioni deboli. 

    Da una parte i malati, dall’altra ii lavoratori del comparto: noi siamo al loro fianco.

     

    PUBBLICATO IL: 25 ottobre 2013 ALLE ORE 13:16