Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA CASTEL VOLTURNO. De Blasio non ci sta… alla “bocciatura” del Puc di Pianese e si difende: “La Regione ha dato parere favorevole”


    Botta e risposta tra tecnici su questioni ed indici che disciplineranno sanatorie di costruzioni abusive, strutture sanitarie, alberghi, e... lo sviluppo urbanistico della città

    Comune1

    di Max Ive

    CASTEL VOLTURNO – Alcuni giorni fa la nostra redazione ha pubblicato il testo della relazione indirizzata alla commissione straordinaria, elaborata dal Sovraordinato architetto Pianese che “bollava” la proposta di Puc così come è stata prodotta e documentata dall’architetto e progettista De Blasio (CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO).

    Ebbene aspettavamo una risposta alle articolate controdeduzioni elaborate dal Sovraordinato che sono state tra le altre cose molto critiche riguardo la legittimità di alcune scelte prodotte dal progettista.

    Oggi, finalmente abbiamo ricevuto la nota ufficiale indirizzata alla Commissione Straordinaria, nonchè la lettera dell’Architetto De Blasio, che difende invece il suo operato. Dall’analisi delle deduzioni e delle controdeduzioni, il commissario Contarino dovrà prendere una decisione che pesa moltissimo sul futuro della cittadina rivierasca.

    De Blasio rispetto alla “bocciatura del sua proposta di Puc“, se così la vogliamo sintetizzare l’analisi effettuata dal Sovraordinato Pianese, effettuata con l’ausilio degli uffici provinciali preposti, si difende asserendo: “Tali documentazioni sono state attentamente valutate dalla competente Area generale di coordinamento n.5 :Governo del Territorio della Regione Campania che in data 10 sett.2009 con prot. 0777497 ha espresso il relativo parere favorevole, mentre in sede locale e provinciale sono state ignorate”.

    Nella risposta inviata da De Blasio al commissario Contarino, che pubblichiamo in link, in calce al nostro articolo c’è di tutto e di più, a partire proprio dalle cosiddette questioni calde, oggetto di discussione tecnica sulla validità della proposta Puc: ampliamenti delle strutture alberghiere, sanatorie delle costruzioni abusive, aree di sviluppo aziendale-ambientale e agricolo, ampliamenti delle funzioni sanitarie esistenti (vedi Clinica Pineta Grande)… e via discorrendo.

     

     

    NOTA finale alla Commissione straordinaria per il Comune di Castel Volturno marzo 2014

    Tutte le note che sono state inoltrate dal professionista incaricato della redazione delle documentazioni della proposta di PUC alla Commissione straordinaria che regge il Comune di Castel Volturno derivano dal legittimo riconoscimento del Diritto amministrativo . Le Leggi e le Norme che regolano il settore della Pianificazione vanno rispettate, come è stato dimostrato puntualmente dalle predette note, ma che certamente non possono essere interpretate burocraticamente con supponenza ideologica, irreale e dannosa per l’intera Comunità intervenendo surrealmente su tutto il sistema socio-economico-ambientale già fortemente compromesso per l’assenza di uno strumento di pianificazione generale.

    Questa grave e pesante assenza, che incrementa le illegalità, è stata recentemente riconosciuta come la causa principale del degrado dei territori ( come ha ricordato recentemente il Magistrato Raffaele Cantone attuale Capo della UTORITA’ Nazionale anticorruzione) .

    A dimostrazione della corretta procedura amministrativa attivata nella formazione delle documentazioni che formano la proposta di PUC consegnata nel novembre 2013, sono state, pertanto, inviate adeguate note che puntualmente hanno dimostrato la legittimità di quanto consegnato.

    In merito poi a quanto contenuto nell’ultima nota del Sovraordinato, in data 20 marzo u.s., che afferma alla pagina 2 undicesimo capoverso che quanto adottato, rimodulato, adeguato e consegnato “ è spesso incompatibile con la normativa nazionale e provinciale” si deve precisare che tale affermazione risulta impropria e quindi illegittima.

    Se infatti, con tale affermazione si voleva fare riferimento alle previsioni definite per la formazione dei PUC contenute nella D.G.R.n. 834, in data 11 maggio 2007 ( che ha previsto, tra l’altro, anche una verifica delle relative documentazioni attraverso 59 indicatori ) si precisa che il testo coordinato della l.r.n.16/2004 con ss.mm.ii. all’art.45 “Regime transitorio delle strumentazioni in itinere”, confermato poi dall’art.1 comma 4) del Regolamento di attuazione per il governo del territorio n.5 ( BURC n.53 del 08/agosto 2011 ) prescrivono che le documentazioni di pianificazione ( come nel caso in oggetto) adottate e non ancora approvate alla data di entrata in vigore della citata D.G.R. “ devono concludersi secondo le disposizioni della disciplina previgente anche in ordine alla ripartizione delle competenze relative alla loro approvazione” per cui la citata D.G.R.n.834 non è applicabile .

    Comunque, a dimostrazione della legittima procedura seguita nella formazione complessiva delle documentazioni della proposta di PUC,si segnala che già nell’elaborato VAS ci sono i riferimenti agli indicatori definiti nella D.G.R. n.834 (vedere pagine dalla n.68 alla n. 79)e che nell’elaborato”Integrazione giugno 2009” alla VAS è inserito alla lettera B “Stato attuale dell’Ambiente” con numerose notizie sull’inquadramento territoriale e sulla popolazione (vedere da pag. 120 a pag.n 192) sull’ Società, sull’Ambiente; sul Suolo e sottosuolo; sulle acque superficiali, sotterranee e marine; sul Paesaggio; sui consumi e sui rifiuti e sull’ambiente naturale con un Analisi Swot con riferimenti all’Economia, alla Società ed ali modelli insediativi e sulla struttura urbana.(pag.145). Tali documentazioni sono state attentamente valutate dalla competente Area generale di coordinamento n.5 :Governo del Territorio della Regione Campania che in data 10 sett.2009 con prot. 0777497 ha espresso il relativo parere favorevole, mentre in sede locale e provinciale sono state ignorate.

    In fede: Arch. Fernando de Blasio

     

    CLICCA QUI PER LEGGERE LA RISPOSTA SCRITTA EFFETTUATA DALL’ARCHITETTO FERNANDO DE BLASIO AL SOVRAORDINATO PIANESE

    PUBBLICATO IL: 27 marzo 2014 ALLE ORE 13:20