Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA AVERSA – La resa dei conti tra Sagliocco e il comandante Guarino: presto un consiglio comunale ad hoc sullo scandalo delle auto nei due depositi giudiziari


    Dopo l’attivazione, di cui abbiamo dato notizia ieri, venerdì, della procedura disciplinare in merito alla questione delle ordinanze sui mercatali abusivi, molto presto si potrebbe aprire un’altro fronte ancora più delicato, per le implicazzioni che questo potrebbe determinare anche al di fuori degli ambiti politico e amministrativo.   AVERSA - La resa dei conti iniziata […]

    Dopo l’attivazione, di cui abbiamo dato notizia ieri, venerdì, della procedura disciplinare in merito alla questione delle ordinanze sui mercatali abusivi, molto presto si potrebbe aprire un’altro fronte ancora più delicato, per le implicazzioni che questo potrebbe determinare anche al di fuori degli ambiti politico e amministrativo.

     

    AVERSA - La resa dei conti iniziata dal sindaco Sagliocco nei confronti del comandante dei vigili urbani Guarino, potrebbe proseguire nelle prossime settimane. Ieri, venerdì’, via abbiamo dato notizia dell’apertura di una procedura disciplinare nei confronti del comandante, in relazione a una presunta mancata applicazione delle ordinanze fatte dal sindaco su diffuso fenomeno dell’abusivismo nei mercati ambulanti.

    Ora, il confronto-scontro dovrebbe realizzare un salto di qualità dato che Sagliocco, a quanto risulta da ambienti a lui vicini sarebbe intenzionato a sensibilizzare il presidente del consiglio comunale Giuseppe Stabile, affinché venga convocato un’assise ad hoc sulla delicatissima questione legata alle auto in giacenza da anni nei due depositi giudiziari della città.

    Una situazione incresciosa e di evidente illegalità, dato che la norma sancisce che l’auto sequestrata o rimossa non possano stare più di pochissimi messi nei depositi. Mentre, come abbiamo raccontato su Casertace, nei depositi stessi ci sono auto addirittura sequestrate o rimosse 16 anni fa, senza, tra l’altro, che i proprietari lo sappiano come abbiamo raccontato in un tragicomico articolo pubblicato un mese fa di giorni fa (clicca qui per leggerlo).

    PUBBLICATO IL: 1 giugno 2013 ALLE ORE 13:44