Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA – ASL, come volevasi dimostrare: i revisori bocciano le delibere milionarie con cui Menduni voleva riempire d’oro tecnici e imprese romane


    Naturalmente è un successo che Casertace non può non imputarsi dato che in tre o quattro occasioni ci siamo occupati di questa vicenda anomala e soprattutto popolata da personaggi certo non estrani al passato e alle relazioni politiche del Direttore Generale Ancora una volta avevamo ragione! Vi ricordate la fantasmagorica idea di Menduni di installare […]

    da sin. Gasparin, Balivo

    Naturalmente è un successo che Casertace non può non imputarsi dato che in tre o quattro occasioni ci siamo occupati di questa vicenda anomala e soprattutto popolata da personaggi certo non estrani al passato e alle relazioni politiche del Direttore Generale

    Ancora una volta avevamo ragione! Vi ricordate la fantasmagorica idea di Menduni di installare pannelli solari sulle strutture dell’ASL.? Già la stravagante idea di spendere soldi a fronte della mancanza del minimo necessario nelle corsie degli ospedali, di per sé risultava perlomeno controcorrente rispetto alla necessità della razionalizzazione della spesa. Poi, l’idea di proseguire per step, ovvero piccole gare fatte di volta in volta, si capiva benissimo che si trattava di un espediente per non concentrare l’attenzione su un solo e pesante processo di affidamento. Un particolare che non è sfuggito all’occhio dei revisori dei conti dell’ASL di Caserta che hanno bocciato sotto tutti i punti di  vista i vari procedimenti adottati per l’affidamento dell’incarico all’Ing. Raffaele Muro romano di Roma, appartenente a quel circuito di imprese e di professionisti ben collegato all’area politica dell’ex sindaco Alemanno e al gruppo di interesse, al quale anche Menduni ha appartenuto per anni. Questo, in forma testuale l’argomento espresso dai revisori per giustificare la bocciatura della la delibera n. 1111 del 03.08.2012 firmata anche dall’allora dirigente al personale Gasparin, diventato di recente Direttore Amministrativo:  “l’affidamento dell’incarico professionale è stato effettuato……impedendo che possa essersi verificata un’effettiva partecipazione da parte di professionisti interessati…..e che è stato preventivamente determinato l’importo dell’incarico senza dimostrazione dell’avvenuta valutazione degli effettivi risparmi ottenuti con l’eventuale risparmio energetico…..”. Pertanto il Collegio “boccia l’adozione in toto della delibera in esame”.

    Stesso epilogo per la delibera n. 1301 che tende a giustificare l’anticipo (35.000 Euro)  delle spettanze computate all’Ing. Muro pari a 95.000 Euro. Il Collegio, poi, “esprime parere sfavorevole anche sull’adozione di quest’ultima delibera (1357 del 17.10.2012) riguardante la collaborazione professionale dell’Ing. Raffaele Muro”.

    Quello che è capitato sugli affidamenti per pannelli solari non deve stupire, dato che il regime complessivo che vige negli uffici in via Unità d’Italia, è fondato su figure, ampiamente tutelate e protette da Menduni, come quella di Francesco Balivo, simbolo di un sistema ormai schizofrenico che consente a chi è stato condannato dalla Corte dei Conti per essersi messi in tasca quattrini non dovuti, non solo dirigente apicale, ma anche Dirigente promosso a Responsabile di Dipartimento, con la ciliegina sulla torta, autenticamente surreale, del suo ingresso nel novero dei Revisori dei Conti degli enti pubblici. Ma è tutto il sistema dell’ASL di Caserta condizionato da un modello di gestione del potere discutibile e vecchio che più vecchio non si può. Non a caso abbiamo coniato questo parallelo tra quello che sono e rappresenta i vari Balivo, Tari, Gasparin, Crisci e gli antichi mandarini delle dinastie imperiali cinesi.

    Se il sistema Italia, il sistema Sud, il sistema Campania, il sistema Caserta non riusciranno a reagire a questi modelli, fondati sulla promozione e sulla conservazione di un sistema iperclientelare, discriminatorio, immeritocratico, allora di gare come quella sui pannelli solari ne saranno fatte altre, con buona pace di tutti i revisori contabili del mondo.

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 8 ottobre 2013 ALLE ORE 10:36