Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Ennesimo sciopero degli operai della FIREMA fuori ai cancelli della loro fabbrica


    Da un comunicato CISL e FIM, che ancora una volta portano alla luce l’incertezza sul futuro della FIREMA.  CASERTA – La CISL e la FIM di Caserta sono fortemente impegnate a dare uno sbocco positivo alla vertenza FIREMA, un’azienda importante e decisiva per il territorio casertano, considerata fiore all’occhiello dell’industria dei trasporti ferroviari a livello […]

    Da un comunicato CISL e FIM, che ancora una volta portano alla luce l’incertezza sul futuro della FIREMA. 

    CASERTA – La CISL e la FIM di Caserta sono fortemente impegnate a dare uno sbocco positivo alla vertenza FIREMA, un’azienda importante e decisiva per il territorio casertano, considerata fiore all’occhiello dell’industria dei trasporti ferroviari a livello nazionale, che Caserta non può assolutamente perdere, non solo per il valore industriale ma soprattutto per i livelli occupazionali impegnati.

    Questa mattina, nonostante il tempo poco clemente, si è svolto un presidio fuori ai cancelli dello stabilimento con due ore di sciopero su iniziativa delle Federazioni di categoria FIM-FIOM-UILM , a cui hanno partecipato sia i lavoratori  attualmente impegnati in produzione, sia quelli collocati in Cassa integrazione.

    Voci di corridoio parlano di un’acquisizione dell’azienda da parte di una holding tedesca e di un’industria brasiliana. Una serie di incertezze che circolano ogni giorno sulle pagine dei giornali e che generano confusione e preoccupazione da parte dei lavoratori. Le Organizzazioni sindacali sono dunque in attesa di un incontro presso il Ministero dello Sviluppo Economico per avere risposte certe o quantomeno veritiere.

    Pertanto la FIM e la CISL di Caserta, insieme alle altre Organizzazioni di categoria e territoriali ritengono essenziale un intervento della Prefettura affinché  eserciti una positiva e maggiore pressione presso il Governo, al fine di attivare il tavolo di confronto.

    Francesca Cecere

    PUBBLICATO IL: 16 ottobre 2013 ALLE ORE 16:12