Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Dramma rifiuti e bidoni, Bagnara che vive si mobilita


      CASTEL VOLTURNO – Solo alcuni giorni fa scrivevamo della questione dell’assenza dei bidoni a Bagnara (frazione di Castel Volturno) e del problema ambientale, così come era stato relazionato dall’associazione Res, anche con prove fotografice. Oggi, anche l’associazione Bagnara che vive torna all’attacco su tale vicenda, chiedendo un incontro al commissario prefettizio. M.I. QUI SOTTO […]

    Nelle foto, le condizioni dei lotti interclusi a Bagnara di Castel Volturno

     

    CASTEL VOLTURNO – Solo alcuni giorni fa scrivevamo della questione dell’assenza dei bidoni a Bagnara (frazione di Castel Volturno) e del problema ambientale, così come era stato relazionato dall’associazione Res, anche con prove fotografice. Oggi, anche l’associazione Bagnara che vive torna all’attacco su tale vicenda, chiedendo un incontro al commissario prefettizio.

    M.I.

    QUI SOTTO IL COMUNICATO STAMPA

    Oggi l’Associazione “Bagnara che Vive”, facendo seguito ad una lettera del 5 ottobre a cui non ha avuto alcun riscontro, ha chiesto al Commissario Prefettizio del Comune di Castel Volturno un incontro per la bonifica del territorio dai rifiuti, per l’assenza dei bidoni e per l’esecuzione di un efficiente servizio di raccolta dei rifiuti. Di seguito invio il contenuto della lettera.

    Aldo Di Resta

    CASTEL VOLTURNO, 10 GENNAIO 2014 Prot. n° 001-14 AL COMMISSARIO PREFETTIZIO DEL COMUNE DI CASTELVOLTURNO DOTT. ANTONIO CONTARINO SEGUITO: lettera 002-10 del 5 ottobre 2013 Spett.le COMMISSARIO L’Associazione “Bagnara che Vive”, con il foglio cui si fa seguito, segnalò: • l’assoluta necessità di provvedere, con la massima urgenza, alla bonifica del territorio dai rifiuti, all’espletamento del servizio di raccolta dei rifiuti regolare ed efficiente, all’avvio della raccolta differenziata dei rifiuti che questa Associazione si era dichiarata disponibile a sperimentare già dal novembre 2003; • l’assenza dal territorio dei bidoni per la raccolta dei rifiuti sin dai primi giorni del mese di giugno, che costringe di depositare i rifiuti a terra nella speranza che vengano raccolti prima che qualche cane randagio possa disperderli sulla strada (cosa che succede quotidianamente) o qualche incendiario dar loro fuoco; • la drammatica differenza di trattamento, in termini di servizi erogati, ma non di costi da sostenere per i cittadini, rispetto ad altre località dello stesso Comune, che sta alimentando situazioni di sfiducia, malcontento generalizzato ed anche diffidenza nei confronti delle istituzioni. Non avendo avuto alcun riscontro né comunicazioni in merito, si chiede un incontro urgente con una delegazione dell’Associazione, da svolgersi preferibilmente nelle ore pomeridiane, al fine di definire le modalità per superare l’attuale situazione. Nel ringraziarla Le porgo a nome dell’Associazione i più distinti saluti.

    IL PRESIDENTE

    Aldo Di Resta

    PUBBLICATO IL: 13 gennaio 2014 ALLE ORE 19:06