Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MARCIANISE. LE FOTO – Cade un cero e prendono fuoco cavi elettrici e fiori nella cappella dei frati francescani del cimitero comunale


    Le fiamme sono state spente grazie all’intervento di un dipendente del camposanto  MARCIANISE – Panico nella cappella dei frati francescani. Tra le 13:30 e le 14:00,  un cero caduto  ha provocato l’incendio di tutti i fiori sottostanti. Il fuoco, inoltre, ha bruciato diversi cavi elettrici, ma, fortunatamente, non si sono registrate conseguenze gravi oltre ad […]

    Le fiamme sono state spente grazie all’intervento di un dipendente del camposanto 

    MARCIANISE – Panico nella cappella dei frati francescani. Tra le 13:30 e le 14:00,  un cero caduto  ha provocato l’incendio di tutti i fiori sottostanti. Il fuoco, inoltre, ha bruciato diversi cavi elettrici, ma, fortunatamente, non si sono registrate conseguenze gravi oltre ad una intensa nube  di fumo che ha costretto molti visitatori ad uscire senza poter rendere omaggio ai propri defunti. Le fiamme sono state spente grazie all’intervento  un dipendente del cimitero di Marcianise.

    Al di là di questo spiacevole episodio, di piccole proporzioni, l’ambiente è da stamattina particolarmente calmo. I vigili urbani stazionati ai diversi ingressi del cimitero non hanno notato alcun problema, anzi, affermano che la situazione è risultata tranquilla rispetto alle previsioni che vedevano invece una maggiore affluenza.

    La calca si è manifestata, invece, soprattutto nei giorni scorsi ed è prevista in particolare per le giornate di domani e dopo domani in cui, come oggi il cimitero osserverà un orario continuato dalle 8:30 alle 17:00.

    Per quanto riguarda la navetta, che accompagna anziani e disabili impossibilitati a muoversi all’interno del cimitero, è stato efficiente fino ad ora tranne per dei piccoli ritardi registrati in mattinata a causa di un problema non particolarmente rilevante alla navetta.

    All’interno del luogo sacro tutto sembra in ordine se non fosse per qualche sacchetto lasciato incustodito in alcuni punti un po’ più nascosti e agli angoli delle diverse cappelle presenti.

    Gaetana Tartaglione

    PUBBLICATO IL: 1 novembre 2013 ALLE ORE 15:31