Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Castel Volturno. Oasi dei Variconi, Tamburrino di Fare Verde: “Sembra ancora una discarica”. La replica di Casertace: “Occorre un’azione non da campagna elettorale”


      LA LETTERA Caro Max Buonasera, sono Tamburrino di Fare Verde Castel Volturno. Volevo informarla che il giorno 19 di questo mese io e il presidente Regionale dell’associazione, ci siamo recati per un sopralluogo all’oasi dei Variconi,dove abbiamo trovato una situazione di degrado non indifferente, più che un’oasi naturale sembrava una discarica dove si poteva […]

    Variconi1

     

    LA LETTERA

    Caro Max

    Buonasera, sono Tamburrino di Fare Verde Castel Volturno. Volevo informarla che il giorno 19 di questo mese io e il presidente Regionale dell’associazione, ci siamo recati per un sopralluogo all’oasi dei Variconi,dove abbiamo trovato una situazione di degrado non indifferente, più che un’oasi naturale sembrava una discarica dove si poteva trovare di tutto. Volontà della nostra associazione è di sensibilizzare la collettività all’ambiente in genere, facendo comprendere, come anche i fatti di cronaca ci insegnano, che tutto ciò che ci porta all’inquinamento più totale non è altro che l’azione scorretta dell’uomo stesso. Relativamente a quanto sopra anticipato, avremo premura di occuparci della situazione dell’oasi; sappiamo che in passato, sono state fatte opere di pulizia, ma crediamo che non sia sufficiente operare in tal senso con sporadicità. Nei prossimi giorni, faremo specifica richiesta all’autorità competente per poterci occupare della pulizia e della gestione in maniera continuativa. Ci auguriamo possa essere di interesse per lei e di trovare riscontro in un suo articolo.Cordiali saluti.

    Nino Tamburrino

     

    LA REPLICA DI CASERTACE - Gentile Nino Tamburrino, ci, anzi, mi fa piacere che ci sia un’altra associazione ambientalista che intenda dare il proprio contributo a Castel Volturno e soprattutto all’Oasi dei Variconi. Ho notato, però, dal suo inciso che ha una conoscenza di massima della storia di questo luogo bellissimo. E’ vero, i Variconi nonostante sia una realtà naturalistica di rilievo internazionale, ancora oggi palesa contraddizioni.

    In passato, comunque non sono state effettuate solo opere di pulizia sporadiche, ma c’è stato un immenso impegno da parte di un’altra associazione che è sempre attiva in loco: Le Sentinelle. E non parliamo del lavoro svolto dal nuovo presidente della Comunità dei Comuni dell’Ente Riserve, Foce Del Volturno, Lago di Falciano, Costa Licola, il naturalista Alessio Usai. Se lei oggi considera una discarica i Variconi doveva visitarla allora, tra il 2010 e il 2011, quando fummo costretti a scontrarci con un sistema politico-amministrativo-ideologico-culturale locale che remava contro le riserve di Castel Volturno.

    E non può nemmeno immaginare cosa è stato effettuato grazie all’aiuto del compianto comandante dei Carabinieri della stazione di Castel Volturno, il maresciallo Izzo, del professore Alfonso Caprio, del cittadino Germano Ferraro che passava le notti in zona per vedere se distruggevano i capanni, nonchè di Paola Castelli, oggi presidente delle Sentinelle; del presidente del WWF, Alessandro Gatto, di Pascquale Cirillo e Leonardo Piccolo di Legambiente Casapesenna e FareAmbiente di Casapesenna, ecc, ecc, ecc.

    Se realmente intende fare qualcosa e dare un contributo scevro da condizionamenti di partito e libero da pressioni dei politicotti di Castel Volturno, allora contatti Paola Castelli, Germano Ferraro, ma soprattutto il presidente dell’Ente Riserve Alessio Usai.

    Max Ive

     

    PUBBLICATO IL: 26 febbraio 2014 ALLE ORE 10:37