Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CASERTA / Servizi sociali, l’Udc rompe ancora con Del Gaudio. I consiglieri comunali dei 4 comuni dell’Ambito voteranno no all’Agenzia voluta da Piscitelli, Ferraro e Gambardella


      Ieri sera, lunedì, lunga riunione dei consiglieri dei comuni di San Nicola La Strada, Castel Morrone, Casagiove e Caserta alla presenza della segretaria provinciale Gabriella D’Ambrosio. L’assessore Casale dopo una fugace apparizione in giunta comunale ha riconsegnato la sua delega al primo cittadino   CASERTA – Una fugace schiarita, a cui segue il tempo […]

     

    Nella foto, Emiliano Casale, Pino Gambardella, Giammaria Piscitelli e Angelo Ferraro

    Ieri sera, lunedì, lunga riunione dei consiglieri dei comuni di San Nicola La Strada, Castel Morrone, Casagiove e Caserta alla presenza della segretaria provinciale Gabriella D’Ambrosio. L’assessore Casale dopo una fugace apparizione in giunta comunale ha riconsegnato la sua delega al primo cittadino

     

    CASERTA – Una fugace schiarita, a cui segue il tempo nuvoloso. Nuvoloso ma non burrascoso, perchè difficilmente, Zinzi in questo momento deciderà per la linea durissima al Comune di Caserta. E questo, non tanto perchè l’Udc ha stipulato un accordo elettorale e, riteniamo, anche politico con il Pdl a San Felice a Cancello e a Maddaloni, ma soprattutto nella prospettiva di un possibile ballottaggio alle comunali di Marcianise.

    Ma che la situazione dei rapporti tra il sindaco Del Gaudio e l’Udc di Caserta sia nettamente peggiorata è un fatto fuor di dubbio. Nelle scorse settimane, sembrava, infatti, che il primo cittadino fosse aperto al confronto con l’Udc sulla rovente questione della gestione dei servizi sociali. Un’apertura durata lo spazio del voto per il Bilancio Consuntivo. Successivamente, nessuna delle richieste del partito di Zinzi è stata assecondata. Né quella di bloccare la costituzione di un’agenzia, leggi azienda speciale per la gestione autonoma di tutti i servizi sociali dell’Ambito di cui fa parte Caserta, né quella che chiedeva una sospensione delle procedure per le altre gare relative ai progetti finanziati col Piu Europa.

    E così, ieri sera, lunedì, la segretaria provinciale dell’Udc, Gabriella D’Ambrosio, su sollecitazione del partito cittadino, sollecitato a sua volta, dal gruppo consiliare e dall’assessore ai Servizi Sociali, Emiliano Casale, ha convocato tutti i consiglieri comunali dei 4 comuni dell’Ambito e cioè i rappresentanti del partito di Zinzi nel Consiglio comunale di Caserta e in quelli di San Nicola La Strada, Casagiove e Castel Morrone.

    In questa riunione si è saputo che Emiliano Casale, dopo aver partecipato ad una riunione della giunta, proprio sulla scorta di quelle aperture formulategli dal sindaco,  è tornato sull’Aventino, riconsegnando le deleghe al primo cittadino. L’Udc considera l’agenzia un nuovo carrozzone, che in periodo di vacche magre, di spending review riproporrebbe lo schema delle aziende speciali, su cui si sono abbattuti gli strali del Tar e della Corte dei Conti.

    Questa agenzia sarebbe governata operativamente da un direttore che avrebbe potere di vita e di morte, azzerando, in pratica la possibilità che l’assessore ai Servizi Sociali e dunque la politica possa interagire nelle scelte. Insomma, un canale diretto tra questo direttore e i suoi referenti.

    Se dovesse essere Pino Gambardella, che dite, ve li spiego ancora chi sono i suoi referenti?

    Tutto questo si sviluppa in un momento in cui la Regione Campania, nella legge finanziaria recentemente approvata, ha salvato in extremis delle risorse per i servizi sociali e per il finanziamento della 328.

    Risorse, comunque, nettamente inferiori rispetto a quelle appostate negli anni scorsi. La riunione di ieri sera, è terminata con una decisione unanime: tutti i consiglieri comunali dell’Udc dei 4 comuni dell’Ambito avverseranno, con tutti gli strumenti che la democrazia e i regolamenti attribuiscono ai rappresentanti delle città, l’approvazione, all’interno dei diversi consigli del varo di questa agenzia.

    Per ora non è possibile assolutamente, invece, formulare previsioni relativamente all’approvazione del Consuntivo 2012, ma soprattutto del prossimo bilancio preventivo. Difficile per una serie di motivi, ipotizzare un distacco completo dell’Udc dalla maggioranza-Del Gaudio.

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 30 aprile 2013 ALLE ORE 10:12