Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CASERTA / Pugno di ferro del sindaco contro i commercianti che protestano. Vigili urbani nei locali. Oggi si decide sulla protesta


      Non ci sono state reazione dure alla stretta sui controlli, che, manco a dirlo, nella giornata di sabato, si sono concentrati proprio nelle zone che hanno dato manforte alla protesta. Ascom e Confesercenti discutono anche di centro commerciale naturale. Se i commercianti si impegneranno ad investire loro quattrini nel progetto, anche la loro protesta […]

     

    Non ci sono state reazione dure alla stretta sui controlli, che, manco a dirlo, nella giornata di sabato, si sono concentrati proprio nelle zone che hanno dato manforte alla protesta. Ascom e Confesercenti discutono anche di centro commerciale naturale. Se i commercianti si impegneranno ad investire loro quattrini nel progetto, anche la loro protesta diventerà più forte e più condivisa dal resto della città.

     

    CASERTA - Sarà molto importante verificare il risultato che verrà fuori dalla riunione tra Ascom e Confesercenti, che dopo le divisioni delle scorse settimane, che hanno portato in piazza solo la prima associazione, per protestare contro la Ztl, sembra che siano ritornate a parlare un linguaggio comune.

    Sarà importante capire se alle buone intenzioni, manifestate negli 8 punti del documento di venerdì sera, seguirà un effettivo e concreto impegno.

    Non è difficile, infatti, comprendere, che il punto debole della protesta dei commercianti, anche al cospetto del resto dei cittadini di Caserta, è costituito dalla natura, al momento, esclusivamente protestataria della piattaforma rivendicativa.

    Se dai contatti e dalle riunioni di Ascom e Confesercenti dovesse venire fuori un nitido e non evanescente impegno per mettere in campo degli investimenti privati, allo scopo di varare finalmente il progetto del centro commerciale naturale, allora anche la richiesta di sospensione della Ztl assumerebbe un peso e anche delle ragioni maggiori, dato che a quel punto il varo del centro commerciale naturale, poggiato sulle solide basi di un impegno economico da parte dei commercianti, rappresenterebbe il punto di arrivo di un processo che consentirebbe a tutti di accettare la Ztl o, addirittura un’isola pedonale, non più come una imposizione, come una punizione, ma, addirittura come un’occasione.

    Per quanto riguarda, invece il clima del conflitto, questo è sempre più teso, dopo che il sindaco Del Gaudio ha prima annunciato via facebook e poi realizzato una stretta nei controlli dei locali e dei negozi del centro storico nella serata di sabato da parte dei vigili urbani.

    Nessuno lo dice esplicitamente, ma dentro ai discorsi dei commercianti casertani questa viene considerata una sorta di ritorsione alla manifestazione di mercoledì scorso. Anche perchè, manco a dirlo questi controlli a tappetto si sono concentrati proprio nella zona che ha dato più presenza e più manforte alla protesta.

    Insomma, nessun dialogo. Nella riunione tra Ascom e Confesercenti verranno, dunque, discusse, anche le forme di protesta che potrebbero, a partire da dopodomani, mercoledì, non limitarsi al solo spegnimento di tutte le luci.

    G.G.

     

    PUBBLICATO IL: 15 aprile 2013 ALLE ORE 12:11