Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CASERTA – Ospedale Civile. Fanno finta di andare d’accordo, ma è guerra fredda tre Bottino, Paternosto e Ovaiolo


        Una infallibile cartina al tornasole: due articoli de IL Mattino di Caserta. uno, tipico, stile Istituto Luce, per decantare le virtù del bilancio del direttore amministrativo; l’altro, per scrivere 24 ore dopo che quello stesso bilancio era stato bocciato dai revisori dei conti. E siccome, si sa bene l’ identità a cui Il […]

     

    Nelle foto, da sinistra, Diego Paternosto, Francesco Bottino e Mimmo Ovaiolo

     

    Una infallibile cartina al tornasole: due articoli de IL Mattino di Caserta. uno, tipico, stile Istituto Luce, per decantare le virtù del bilancio del direttore amministrativo; l’altro, per scrivere 24 ore dopo che quello stesso bilancio era stato bocciato dai revisori dei conti. E siccome, si sa bene l’ identità a cui Il Mattino presta il servizio di cinghia di trasmissione… 

     

    CASERTA – E’ solo calma apparente quella che regna nell’ospedale civile di Caserta. La nuova bozza di piano ospedaliero è al vaglio della Regione Campania, ma anche al vaglio molto più laico equo e equidistante di Casertace, che per la metà di questa settimana vi promette un’ analisi attenta e doviziosa. Di questo documento, confrontandolo con la prima bozza, disastrosamente commentata come l’ennesima occasione persa per tenere la politica fuori dalla sanità locale.

    Dicevamo, calma apparente. Noi possiamo anche non scrivere sull’ospedale per qualche giorno ma siamo vigili, attenti a quello che al suo interno capita, usando una infallibile cartina al tornasole, un indicatore che non sbaglia mai: la pagine casertane de “IL Mattino”.

    Dunque, cos’è capitato nei giorni scorsi: sull’ex giornale più importante della Campania  è uscito un articolo in cui venivano innalzati degli autentici peana al direttore amministrativo Mimmo Ovaiolo, capace, di redigere e far approvare un bilancio modello, quasi come quello di un ospedale di Stoccolma.

    Quel comunicato lo avevamo anche noi di Casertace. Ma non lo abbiamo messo in rete perché mancava un passaggio essenziale: l’indicazione del via libera da parte dei revisore dei conti. Siccome eravamo affaccendati in altre cose, abbiamo preferito di congelare il tutto.

    Nella giornata di ieri, poi a sorpresa, l’ex quotidiano più autorevole dell’Italia meridionale ha pubblicato un articolo in cui viene scritto che i revisori dei conti hanno espresso parere contrario rispetto al bilancio targato Mimmo Ovaiolo.

    Solo in un caso, e non in due, Il Mattino di Caserta poteva far uscire una notizia di questo genere: la notizia poteva uscire previa consultazione  e contestuale via libera degli altri componenti della direzione strategica, del direttore generale Bottino , e soprattutto, del direttore sanitario Diego Paternosto, del quale Il Mattino, redazione di Caserta, è ormai, una storica cinghia di trasmissione.

    Chiudere il silogismo è più facile di un comodo appoggio in rete a porta libera di Neymar: tra Bottino, e Paternosto da un lato e Ovaiolo dall’altro vige un regime di tregua armata. Paternosto ha disegnato il piano ospedaliero come più gli conveniva, Ovaiolo ha avuto campo libero per la costituzione di un numero impressionante di posizioni organizzative.

    Ma il fuoco cova sotto la cenere, anche perché Paternosto una casa politica ce l’ha, ed è quella che lo collega intimamente alle posizioni del presidente del consiglio regionale Paolo Romano, mentre Ovaiolo lavora su più fronti del Pdl e dintorni. Non è più un polveriniano, ma oggi si raccorda soprattutto alle posizioni di Riccardo Ventre, il quale sembra defilato, ma intelligente e astuto com’è,è pronto a ritornare in campo, magari con una candidatura forte alle prossime elezioni europee.

    PUBBLICATO IL: 1 luglio 2013 ALLE ORE 12:39