Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CASERTA – Il segretario nazionale UGL-FP a Caserta per il personale della Reggia, i militari in esubero e gli ispettori del lavoro


            Previste tre assemblee per domani, mercoledì 18 dicembre CASERTA - Il Segretario Generale della Ugl-Intesa Fp ( Federazione Pubblica), Francesco Prudenzano, sarà a Caserta domani, mercoledì 18 dicembre, per una serie di assemblee che si terranno alla Reggia di Caserta dalle ore 8,30 alle 10,00; alla Direzione Territoriale del Lavoro dalle 10,45 alle 12,30 […]

     

     

    Nella foto: la Reggia di Caserta

     

     

    Previste tre assemblee per domani, mercoledì 18 dicembre

    CASERTA - Il Segretario Generale della Ugl-Intesa Fp ( Federazione Pubblica), Francesco Prudenzano, sarà a Caserta domani, mercoledì 18 dicembre, per una serie di assemblee che si terranno alla Reggia di Caserta dalle ore 8,30 alle 10,00; alla Direzione Territoriale del Lavoro dalle 10,45 alle 12,30 e al Distretto Militare dalle 13,00 alle 14,30.

    Sarà presente anche il Segretario Territoriale della Ugl, Sergio D’Angelo e i Coordinatori Nazionali e Provinciali dei Settori: Beni Culturali, Lavoro e Difesa. Sotto osservazione le problematiche che negli ultimi mesi stanno attanagliano proprio i settori dei Beni Culturali, del Lavoro e della Difesa.

    Alcune problematiche sono davvero paradossali come la sperequazione tra ispettori del lavoro del nord e quelli del sud nei punteggi per il raggiungimento degli obiettivi che, a fine anno, si tradurranno in risorse. Ad esempio se un ispettore di Milano scopre un lavoratore in nero sono 8 punti; se lo fa un ispettore di Caserta sono poco più di 5 punti; cosicché al sud oltre agli ispettori, anche i lavoratori in nero valgono meno.

    Inoltre la bozza di riorganizzazione del Ministero prevede forti tagli sul direzioni regionali che da 18 passano a 4 interregionali e le direzioni provinciali da 118 a 85. Disagi anche alla Reggia di Caserta che al di la del degrado, sotto gli occhi di tutti, ancora non conosce il suo futuro e se diventerà tutt’uno con il Polo museale di Napoli creando un nuovo carrozzone dai piedi d’argilla come l’archeologico di Napoli e Pompei.

    La Difesa, infine, deve fare i conti con la riorganizzazione degli uffici e gli esuberi che potrebbero superare il 30% del personale civile della Campania senza contare i circa 15 mila militari, anche loro in esubero, che vorrebbero occupare posti proprio nel settore civile.

    PUBBLICATO IL: 17 dicembre 2013 ALLE ORE 18:50