Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CASERTA / Ecco dove abitano i furbetti che da anni occupano a sbafo e gratis le case del Comune


      E intanto salta fuori un altro caso. Ci sono degli inquilini di immobili, sempre di proprietà del Comune di Caserta, che non pagano da una vita il canone, ma che hanno addirittura chiesto ed ottenuto soldi dall’Ente per migliorie che non hanno mai concordato con la proprietà   CASERTA – Se avessimo qualche mezzo […]

    Nelle foto, da sinistra, via degli Oleandri e via Petrarelle a Caserta

     

    E intanto salta fuori un altro caso. Ci sono degli inquilini di immobili, sempre di proprietà del Comune di Caserta, che non pagano da una vita il canone, ma che hanno addirittura chiesto ed ottenuto soldi dall’Ente per migliorie che non hanno mai concordato con la proprietà

     

    CASERTA – Se avessimo qualche mezzo in più, ma non è detto che in futuro non capiti, avremmo cominciato noi di Casertace a dare una mano al Comune per scovare i molti e molti casertani, come ha rimarcato con la solita chirurgica lucidità, il consigliere comunale Luigi Cobianchi, in una nota da noi pubblicata domenica scorsa che da anni abitano gratis in case e appartamenti di cui il Comune è proprietario, ma di cui non conosce nemmeno l’ubicazione, a causa di quei famosi giochini sulle mancate trascrizioni alla conservatoria che si consumavano negli anni d’oro pre e anche post tangentopoli.

    Nonostante i nostri … impotenti mezzi, qualche zona l’abbiamo individuata: la 167, via Petrarelle, San Leucio, e fra qualche giorno, in due forse riusciremo a fare quello che al Comune di Caserta non riescono a fare in 200. Ma sempre sul fronte immobili, ci sono anche altre questioni che certo il Comune non gestisce in maniera appropriata.

    Come ben sanno i lettori di Casertace, ci sono centinaia di inquilini del Comune, questa volta conosciuti e non provvidenzialmente desaparecidos come quegli altri, che da una vita l’affitto non lo pagano e sapete perchè, perchè dicono di aver introdotto migliorie e sostenuto le spese di lavori.

    A volte si parla di aria condizionata e di altri optional. Se non ricordiamo male, il codice civile regola la materia delle cosiddette “Innovazioni gravose e voluttuarie“, la cui realizzazione è legata all’autorizzazione del proprietario.

    Invece, a quanto pare, in almeno 3 o 4 casi, alcuni inquilini, non solo non pagano i canoni da tempo, ma hanno anche chiesto al Comune di riconoscergli delle cifre significative per le migliorie apportate. Hanno chiesto e hanno ottenuto, perchè il Comune gli ha detto di sì.

    Anche questo è un caso che va adeguatamente approfondito.

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 20 marzo 2013 ALLE ORE 17:41