Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CAMORRA / Un terreno dei clan destinato al comune di Cancello ed Arnone, la decisione presa dall'Agenzia nazionale


        Da oggi, mercoledì, diversi beni requisiti  alla criminalità organizzata, in base alla legge Rognoni – La Torre potranno essere riutilizzati   CANCELLO ED ARNONE - Diversi beni mobili e immobili, tra cui alcune autovetture e tre cavalli, confiscati alla criminalita’ organizzata sono stati assegnati oggi dall’Agenzia nazionale diretta dal prefetto Giuseppe Caruso. Gli […]

    Nella foto, il Municipio di Cancello ed Arnone

     

     

    Da oggi, mercoledì, diversi beni requisiti  alla criminalità organizzata, in base alla legge Rognoni – La Torre potranno essere riutilizzati

     

    CANCELLO ED ARNONE - Diversi beni mobili e immobili, tra cui alcune autovetture e tre cavalli, confiscati alla criminalita’ organizzata sono stati assegnati oggi dall’Agenzia nazionale diretta dal prefetto Giuseppe Caruso. Gli immobili sequestrati si trovano in Campania; si tratta di un appartamento e di un terreno. L’abitazione, con le relative pertinenze, si trova nel Comune di Nocera Inferiore  ed e’ stata destinata all’amministrazione comunale che la utilizzera’ per fini sociali e istituzionali. Il terreno, invece, si trova nel Comune di Cancello e Arnone, , e anche questo fara’ ora parte del patrimonio del Comune che potra’ utilizzarlo per finalita’ sociali, nello spirito di quanto auspicato da Pio La Torre, ispiratore della legge Rognoni – La Torre sul riutilizzo dei beni confiscati.

    Due provvedimenti di revoca sono invece stati adottati nei confronti dei Comuni di Agropoli e Marano di Napoli per due beni assegnati rimasti inutilizzati. La novita’ dei provvedimenti adottati oggi dall’Agenzia nazionale dei beni confiscati consiste invece nell’applicazione, per la prima volta, dell’emendamento alla legge di stabilita’ approvata il 24 dicembre che consente di assegnare gratuitamente agli enti territoriali anche dei veicoli. Di questa proposta, lanciata proprio dal prefetto Caruso, hanno beneficiato oggi la questura e la guardia di Finanza di Bologna, la questura e la sezione operativa della Dia di Salerno, la Guardia di finanza di Reggio Calabria, la Croce rossa italiana, la polizia municipale del Comune di Barcellona di pozzo di Gotto (Me) e, nella stessa provincia, il Comune di Villafranca Tirrena. Sono stati poi destinati alla liquidazione il capitale sociale della impresa edile di Alcamo (Tp) ‘Codim srl’, quote della societa’ ‘World book srl’, l’impresa individuale ‘Bidognetti Domenico’ e il capitale sociale della ‘Fin. Par Srl’. Tra gli altri provvedimenti c’e’ anche l’affidamento, a titolo gratuito, di tre cavalli all’azienda agricola ‘De Vitis’.

    PUBBLICATO IL: 6 marzo 2013 ALLE ORE 20:19