Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CAMORRA ED ELEZIONI, CASTEL VOLTURNO. Contarino pronto a dare una risposta tecnica alla Capacchione. Rappresentanti pubblici Multiutility non rimossi: “Fummo noi a sollevare il caso del bilancio”


    In base alle prime indiscrezioni trapelate è in corso un giudizio al tribunale e i delegati amministrativi della società che gestisce il ciclo integrato delle acque in città, nominati dalla vecchia amministrazione comunale non potevano essere rimossi, ma.....

     

     

    Nelle foto, da sinistra, Antonio Contarino e Rosaria Capacchione

    Nelle foto, da sinistra, Antonio Contarino e Rosaria Capacchione

    CASTEL VOLTURNO. 24ore dopo la pubblicazione della notizia sull’interrogazione parlamentare della senatrice Pd, Rosaria Capacchione riguardo il caso Castel Volturno, città interessata dalle prossime elezioni amministrative per il rinnovo del Consiglio comunale, ma gravata da uno scioglimento per infiltrazioni camorristiche e da svariati problemi amministrativi (CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO), abbiamo deciso di contattare il commissario di Governo, Antonio Contarino, per comprendere se in queste ore la macchina commissariale sta elaborando una relazione scritta da inviare alla prefettura e al Ministrero dell’Interno al fine di dare una risposta su quanto è stato richiesto dalla parlamentare.

    Ebbene il commissario Contarino ci è apparso molto tranquillo e sereno al riguardo e ci ha riferito: “Concedetemi 5, al massimo 6 giorni ed elaboreremo una risposta all’interrogazione parlamentare presentata dalla senatrice che ci è stata comunicata dal Ministero degli Interni“.

    Commissario, era nei poteri del suo predecessore, il commissario Crudo e in quelli che lei ha assunto nel momento è stato incaricato, di rimuovere i rappresentanti pubblici nominati dalla vecchia amministrazione comunale nella Multiutility Volturno, società che gestisce il ciclo integrato delle acque a Castel Volturno?

    Noi potevamo rimuoverli solo alla scadenza del mandato, ma ci sono delle ragioni ben precise per cui non lo abbiamo fatto. E’ una vicenda che va trattata nei particolari, ma posso dirle che siamo stati noi a sollevare la questione del Bilancio e dei crediti vantati dalla società mista nei confronti del Comune. Inoltre è in corso anche un giudizio innanzi al tribunale, ma riferirò tutto in una dettagliata relazione che stiamo elaborando“.

    Max Ive

    PUBBLICATO IL: 21 marzo 2014 ALLE ORE 13:01