Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    AVERSA / Sagliocco batte Ferdinando Foglia 3 a 0. La Cassazione dà ragione al sindaco sugli orari delle farmacie


    Il sindaco della città normanna, secondo i giudici della suprema Corte, ha correttamente interpretato le norme. Dunque, ora, l’ordine non potrà più opporsi alla liberalizzazione degli orari. Questo lo dovrebbero fare anche tutti gli altri sindaci di questa provincia, che invece inciuciano alla grande con questo autentico caposaldo di un’economia decrepita, assistita, protetta e assolutamente […]

    Nelle foto, da sinistra, Ferdinando Foglia e Giuseppe Sagliocco

    Il sindaco della città normanna, secondo i giudici della suprema Corte, ha correttamente interpretato le norme. Dunque, ora, l’ordine non potrà più opporsi alla liberalizzazione degli orari. Questo lo dovrebbero fare anche tutti gli altri sindaci di questa provincia, che invece inciuciano alla grande con questo autentico caposaldo di un’economia decrepita, assistita, protetta e assolutamente improduttiva. IN CALCE ALL’ARTICOLO IL LINK CON LA NOTIZIA DATA DAL SOLE 24ore

    AVERSAGiuseppe Sagliocco batte Ferdinando Foglia 3 a 0. Ma qui, più che una vittoria del sindaco di Aversa contro l’inamovibile e inossidabile presidente dell’ordine dei farmacisti di Caserta, è una vittoria dello spirito e della sostanza liberali rispetto a forme protezionistiche e lobbistiche, finalizzate a tutelare antiche rendite di posizione, che da queste parti sarebbe molto più opportuno ed efficace definire feudi.

    Quando Sagliocco, nei primi mesi di questa consiliatura, decise di interpretare alla lettera il dettato della normativa nazionale, consentendo alle farmacie della città normanna orari flessibili e libertà di orientare la loro offerta nei periodi della giornata che meglio ritenevano opportuni, fermo restando la garanzia di un livello minimo e congruo di completa assistenza agli utenti, si scatenò un pandemonio.

    Questo sottraeva dalle mani di Ferdinando Foglia, il potere di determinare tutti gli orari e di obbligare ognuna delle farmacie operanti ad Aversa, ad orari eterodefiniti.

    Più dirigismo di questo, si muore. Oggi arriva la notizia che la Corte di Cassazione, in una delle sue sezioni civili, ha dato pienamente ragione al sindaco Sagliocco, accogliendo il ricorso presentato da una nota farmacista di Aversa, Carolina Paragliola ,sulle imposizioni orarie realizzate da “re” Ferdinando Foglia.

    Il guaio è che la maggior parte dei comuni di questa provincia sottostà alle imposizioni dirigiste dell’ordine dei farmacisti, non consentendo un’autentica e seria azione di liberalizzazione del settore, unico modo per creare le condizioni per una evoluzione della produzione di beni e servizi e unica condizione per produrre nuovi posti di lavoro.

    Il guaio è che alcuni di questi comuni non sottostanno  A Foglia, solo per ignoranza della norma, ma inciuciano da decenni alla grande con questo ordine dei farmacisti, autentico retaggio medievale di un’economia decrepita e oligarchica che è tutto il contrario di quello che serve oggi per propiziare e determinare sviluppo.

    Gianluigi Guarino

    CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO DEL SOLE 24 ORE CHE ANTICIPA I CONTENUTI DELL’IMPORTANTISSIMA SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE

    PUBBLICATO IL: 13 febbraio 2013 ALLE ORE 16:55