Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    AVERSA – L’impresa PACA non…paga gli oneri di urbanizzazione e fa i lavori in Piazza Crispi. Tutto in silenzio con una semplice delibera di Giunta


              Potrebbe scoppiare un vero e proprio caso che riporterebbe Piazza Crispi di nuovo al centro delle cronache AVERSA – Da diversi mesi non abbiamo più affrontato la vicenda di Piazza Crispi. Vi facciamo sconto del complesso racconto relativo alle puntate precedenti. Rimaniamo alla novità di queste settimane: la PACA, impresa di […]

     

     

     

     

    Nella foto Piazza Crispi ad Aversa

     

    Potrebbe scoppiare un vero e proprio caso che riporterebbe Piazza Crispi di nuovo al centro delle cronache

    AVERSA – Da diversi mesi non abbiamo più affrontato la vicenda di Piazza Crispi. Vi facciamo sconto del complesso racconto relativo alle puntate precedenti. Rimaniamo alla novità di queste settimane: la PACA, impresa di Teverola che sta costruendo, ovviamente con fini speculativi a Piazza Crispi, ha messo mano anche ai lavori di ristrutturazione o forse anche di riqualificazione di quest’ultima. A che titolo? Ve lo diciamo noi, naturalmente in esclusiva. Esiste una recente delibera di Giunta comunale con cui è stato dato il via libera ai lavori della piazza e dunque è stata accettata una sorta di transazione, proposta al comune dalla PACA: io non pago gli oneri di urbanizzazione e in cambio faccio i lavori per la Piazza.

    Per il momento non entriamo nel merito sul fatto che questa operazione sia o meno conveniente per le casse del comune e dunque per gli interessi dei cittadini di Aversa. La questione su cui ci si interroga è quella relativa alla grande disinvoltura di questa procedura amministrativa che riguarda non un vicoletto sperduto, ma la modifica dei connotati di una delle piazze più importanti della città. E c’è chi è già pronto ad alzare le barricate, protestando con veemenza e che gli strumenti che le norme e i regolamenti del comune offrono, per dire forte e chiaro che questa cosa se proprio doveva essere realizzata, sarebbe dovuta passare dal Consiglio comunale.

    Seguiremo le evoluzioni.

    G.G.

     

    PUBBLICATO IL: 17 dicembre 2013 ALLE ORE 18:08