Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    AVERSA / Il giorno di Sagliocco: fandonie quelle scritte sulla Finanza in Comune. Che bordate a Galluccio e Della Valle su cottimi, bonifica e paletti


    Conferenza stampa al calor bianco del sindaco, che ha smentito sia la notizia della visita delle Fiamme Gialle di Aversa e di Caserta, sia quella, di cui Casertace gli ha chiesto direttamente conto nella visita dei finanzieri di Napoli. Ma soprattutto è caduto ogni velo e ora con gli ex An è battaglia aperta AVERSA […]

    Nelle foto, da sinistra, Giuseppe Sagliocco, Michele Galluccio e Gino Della Valle

    Conferenza stampa al calor bianco del sindaco, che ha smentito sia la notizia della visita delle Fiamme Gialle di Aversa e di Caserta, sia quella, di cui Casertace gli ha chiesto direttamente conto nella visita dei finanzieri di Napoli. Ma soprattutto è caduto ogni velo e ora con gli ex An è battaglia aperta

    AVERSA – Usa l’arma dell’ironia Sagliocco e la usa a poche ore di distanza dalla pubblicazione di una notizia da parte di un giornale napoletano che ha segnalato la presenza del comune di Aversa di alcuni uomini della Guardia di Finanza, nei locali del Comune, per acquisire documenti ed informazioni su alcuni affidamenti attribuiti col sistema del cottimo fiduciario.

    “Chiediamo a questo giornale – ha esordito il sindaco – ulteriori elementi sugli atti sequestrati al Comune dalla Guardia di Finanza. Come ha riportato questo giornale, in data 11 aprile u.s. nell’articolo “Comune, atti sequestrati dalla Finanza” le fiamme gialle sarebbero venuti in Comune sequestrando degli atti.

    Dato che – ha affermato con sicurezza Sagliocco – ciò non ci risulta e non abbiamo conferme, chiediamo ulteriori notizie anche per fornirle alla pubblica opinione”.

    Sagliocco integra il contenuto di quello che ha detto in conferenza stampa, rispondendo, successivamente ad una domanda formulatagli da Casertace su una ipotetica visita che il nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Napoli avrebbe fatto a sua volta per acquisire informazioni su un permesso a costruire. “idem, come sopra, non mi risulta e non vi è stata

    D’altronde – precisa Sagliocco - ogni visita della Guardia di Finanza non può che farci piacere. Più sono presenti i controlli, da parte di tutte le forze dell’ordine, meglio è. Io stesso in passato ho inviato atti alla Guardia di finanza e alla Procura della Repubblica (centro per l’impiego, strisce blu etc) chiedendo la loro collaborazione. Il loro intervento non può che farci piacere e tutelarci. Siamo forti, infatti, della nostra idea ed azione. Sin dal primo momento ho detto che il faro che deve illuminare questa amministrazione comunale che mi onoro di guidare è la trasparenza e la legalità“.

    A questo punto, Sagliocco rompe un tabù politico e per la prima volta apre, in sostanza, le ostilità con il gruppo dei tre consiglieri ex An, Dello Vicario, Della Valle e Michele Gallucci, che pur essendo rappresentati in giunta da un assessore, ormai si comportano come un vero e proprio gruppo di opposizione. “Devo constatare una ‘ossessiva attenzione’, del consigliere Michele Galluccio all’affidamento di piccoli lavori di piccoli importi, mediante il sistema di cottimo fiduciario limitato all’urgenza, che è in sospetta controtendenza con l’ ‘assordante’ silenzio dello stesso sul ricorrente utilizzo di tale pratica, attuata con ‘sistematicità’ nel settore di competenza da qualche assessore della precedente amministrazione che il consigliere Galluccio affiancava nell’azione politica ed amministrativa”.

    “Tale ossessiva ‘attenzione’ induce a pensare a nostalgiche procedure del passato senza capire in tempo che, al contrario di quanto l’Amministrazione in carica persegue, il sistema spezzettato ha, titolo esemplificativo, inondato Aversa di paletti in ferro il cui costo complessivo sarà interessante quantificare. Tale opera compiuta a più riprese, e che, tra l’altro, va negativamente segnata, vede Galluccio,  il quale si agita per qualche rappezzo stradale, pulizia di caditoie, qualche rifacimento di pozzetti fognari, necessari e non programmabili in un organico disegno unitario che per altro, l’Amministrazione Comunale tende con perseveranza, in linea con la vigente legislazione e con le più avanzate tecniche del settore. Infatti, sono costantemente allo studio fattibilità per l’affidamento della manutenzione globale delle infrastrutture cittadine”.

    Della serie, senti chi parla: i maestri dei cottimi fiduciari, oggi si riscoprono controllori implacabili della spesa pubblica. L’altro capitolo dell’intervento di Sagliocco è dedicato alla questione della bonifica di via Guido Rossa. Un vecchio appalto da 70mila euro che i suddetti Dello Vicario, Della Valle e Gallucci vorrebbero che si realizzasse con questa spesa e con le modalità definite. “Galluccio dorma sogni tranquilli. L’Amministrazione che ho l’onore di presiedere non consentirà mai la indizione di una gara per euro 700mila per la pulizia di un’area che con più attenzione sarà fatta con una somma di lunga inferiore, ovvero intorno ai 100mila euro”.

    Il consigliere Della Valle - continua Sagliocco sempre sullo stesso argomento – , invece, intervenuto sulla vicenda, ha parlato di lavori previsti a misura, dimenticando, anche se per ‘esperto del settore’ come lui stesso ama definirsi, è difficile che si possa spendere una cifra simile, dal momento in cui il codice degli appalti esclude la previsione di una spesa superiore ai 600mila euro da quella occorrente. Della Valle e Galluccio, che conoscono bene i fatti, e per questo ritenevo che ne avessero fatto oggetto di un’interrogazione, evitano di rappresentare che dopo pochi giorni dalla indizione la procedura di gara venne cambiata da lavori a misura con quella della offerta migliorativa. Cosa si voleva migliorare??? L’intenzione, voglio augurarmi, nell’interesse della Città, probabilmente che, l’offerta migliorativa ‘trasformasse’ i rifiuti in oro”.

    La conclusione di Sagliocco è racchiusa in una rivendicazione di un modus operandi, che sarebbe diverso rispetto al passato, sia sotto il profilo della limpidezza delle procedure, sia sotto quello della qualificazione della spesa con importanti risparmi di esercizio ottenuti. “La trasparenza di una Amministrazione si misura anche dalla capacità di rapportarsi con altre amministrazioni evitando, in virtuosa sinergia, sperperi di denaro pubblico. Galluccio, che è bene addentro nei fatti comunali, darebbe utile contributo a verificare se la Provincia di Caserta si stata, all’epoca della presidenza De Franciscis, più o meno consapevolmente ‘leggera’ nell’acquisto di un palazzo in Aversa da adibire ad ufficio di collocamento, che ricade nelle competenze dell’assessore Dello Vicario, e se tale ‘leggerezza’ abbiano contribuito uffici comunali di Aversa ‘ in sintonia’ con imprenditori e direttori dei lavori. Alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Veter ho sempre trasmesso gli atti relativi ad azioni che non avevano, a mio parere e dei miei collaboratori – conclude Sagliocco - il ‘sapore pieno’ della liceità e legittimità.

    PUBBLICATO IL: 12 aprile 2013 ALLE ORE 19:03