Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ASL E OSPEDALE DI CASERTA ancora nella bufera, denuncia ai carabinieri ed esposto in Procura per le nomine dei docenti interni dei corsi SUN


      Dopo mesi di appelli inascoltati, finalizzati a garantire delle procedure e dei criteri trasparenti, relativi alla selezione, il sindacato Nursing Up è passato alle vie di fatto. CASERTA – La scelta, da parte dell’Asl di Caserta e dell’azienda ospedaliera S. Anna e San Sebastiano di unità del proprio personale, da utilizzare per l’insegnamento nei […]

    Nelle foto, da sinistra, Rosa Nuzzo, Diego Paternosto, Francesco Bottino e Paolo Menduni

     

    Dopo mesi di appelli inascoltati, finalizzati a garantire delle procedure e dei criteri trasparenti, relativi alla selezione, il sindacato Nursing Up è passato alle vie di fatto.

    CASERTA – La scelta, da parte dell’Asl di Caserta e dell’azienda ospedaliera S. Anna e San Sebastiano di unità del proprio personale, da utilizzare per l’insegnamento nei corsi universitari per le lauree triennali in discipline infermieristiche, ostetriche e tecniche di laboratorio, rischia di diventare un’autentica polveriera.

    Già nei mesi scorsi vi avevamo raccontato dei malumori e, soprattutto, delle azioni messe in opera dal sindacato Nursing Up, ampiamente rappresentativo sia del personale dell’Asl, che dell’Azienda Ospedaliera, riguardo alle procedure e ai criteri di scelta di questo personale. Evidentemente, quelle istanze sono cadute nel vuoto, se è vero, come è vero che nei giorni scorsi la segretaria provinciale di Nursing Up Rosa Nuzzo si è recata dai carabinieri per presentare un esposto denuncia in cui vengono messi pesantemente in dubbio proprio i criteri di scelta, al punto da sostenere che criteri di scelta non c’è ne sono e che tutte le persone selezionate dall’ex direttore generale dell’ospedale, Francesco Bottino, dal direttore sanitario Diego Paternosto e dal direttore generale dell’Asl, Paolo Menduni, sono entrate nel novero dei prescelti in base a valutazioni completamente slegate da una ortodossa applicazione delle procedure amministrative, collegandosi, al contrario a motivazioni di ordine clientelari.

    “Si rileva – scrive il Nursing Up nel suo esposto - che il provvedimento prot. 827 del 18 dicembre 2013, emanato dalla Sun (ovviamente l’università redige l’elenco su indicazioni dei manager, relativamente al personale delle aziende sanitaria e ospedaliera) in indirizzo appare illegittimo ed arbitrario laddove non risulta motivato, né individuati i criteri adottati al fine di individuare le nomine dei docenti di cui in oggetto. Orbene – continua Nursing Up – tale provvedimento non risulta la risposta legale e coerente ad un esame attento ai titoli ed esperienze di soggetti che pur venivano richiesti nel bando disposto dall’Aorn.

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 2 gennaio 2014 ALLE ORE 19:12